Sei in Archivio bozze

BUSSETO

Addio a Romano Gelmetti, colonna del volontariato

09 agosto 2018, 07:00

Addio a Romano Gelmetti, colonna del volontariato

Michele Deroma

BUSSETO - Busseto, Polesine Parmense e Zibello hanno perso un angelo del volontariato locale. Pubblica assistenza, servizio civile, collaborazione con la Pro loco, sostegno agli anziani del territorio mediante il progetto di telesoccorso: a tutti questi enti e attività si dedicava infatti il bussetano Romano Gelmetti, stroncato martedì all'ospedale di Vaio da una malattia incurabile, all'età di 78 anni. «Persona attenta, disponibile e con un grande senso di umanità, seppur dotata di un carattere assai riservato». Con queste parole l'ex presidente della Pubblica assistenza di Busseto, Maria Giovanna Gambazza, ricorda con emozione Gelmetti. I due hanno collaborato dal finire degli anni Novanta, quando Gelmetti scelse di trascorrere gli anni della pensione donando il proprio tempo al volontariato locale. Nella Pubblica ricoprì il ruolo di responsabile degli obiettori del servizio civile. «Quando partì questo servizio - spiega la Gambazza - arrivarono diversi ragazzi dalle province di Milano e Bergamo: Romano seppe instaurare con tutti uno splendido rapporto, grazie alla propria indole paterna, mostrandosi come esempio significativo di umanità e disponibilità. Con questi ragazzi Romano si è sempre mantenuto in stretti contatti, anche al termine del loro impegno nel servizio civile».

Ebbe inoltre l'incarico di telefonista e di segretario, occupandosi di tutti i risvolti amministrativi e burocratici che l'attività dell'associazione comportava: forte infatti «del diploma in ragioneria e della propria occupazione lavorativa come impiegato dell'Enel, Romano Gelmetti era dotato di grande dimestichezza con il computer - continua la Gambazza -, strumento con cui sapeva preparare con grande attenzione tabelle e dati statistici».

Attività di segretariato che videro Gelmetti impegnato anche in seno alla sezione bussetana dell'Auser, mentre, nell'ambito del servizio nella Pubblica assistenza, Gelmetti si occupò per diversi anni anche del progetto di telesoccorso e telecontrollo per le persone anziane del territorio: «Fui io ad avviare il progetto», ricorda la Gambazza, «e Romano si impegnò nell'installazione degli apparecchi e della loro manutenzione nelle abitazioni. Con queste persone Gelmetti seppe instaurare un rapporto privilegiato, all'insegna della cordialità e dell'amicizia».

Nell'ambito del sostegno agli anziani, collaborò attivamente anche con l'ufficio dei servizi sociali del comune di Busseto, risultando un punto di riferimento nella programmazione delle attività e nello studio delle esigenze da parte dei soggetti più fragili nella comunità. Senza trascurare quella famiglia che Romano adorava: la moglie Emilietta e il figlio Gabriele, che ora piangono un uomo speciale, dotato di un particolare senso di umanità e disponibilità per gli altri, in particolare per i giovani e gli anziani. I funerali saranno celebrati questa mattina, alle 9.30, nella chiesa collegiata di Busseto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal