Sei in Archivio bozze

Calcio

Tifosi, piace il nuovo Parma

18 agosto 2018, 07:00

Tifosi, piace il nuovo Parma

ALBERTO DALLATANA

Il Parma è fatto. Domani sera si comincia e, al Tardini, ci sarà la maggior parte dei quasi dodicimila che hanno sottoscritto l'abbonamento. Ma qual è il giudizio dei tifosi sul mercato dei crociati? «Promosso, ma con riserva – analizza Angelo Manfredini, presidente col Centro di Coordinamento dei Parma Club -, nel senso che preferisco attendere la prova del campo, anche con pazienza, prima di dare giudizi netti. Dopo la partita contro il Pisa ero molto preoccupato: non poteva essere quello il Parma per la A. Poi fortunatamente in questi giorni sono arrivati giocatori di un certo spessore, sperando che Gervinho stia bene. La salvezza ora è assolutamente alla portata». Francesca D'Andrea vede un Parma «molto rafforzato in attacco. Inglese, con una squadra al suo servizio, può fare 15-20 gol; Grassi è un ottimo centrocampista, mentre per quanto riguarda Gervinho dobbiamo sperare che sia quello visto a Roma e non quello che in Cina ha combinato poco. Ma ho piena fiducia in Faggiano: ha fatto un buon lavoro sfruttando le risorse a disposizione».

Matilde Pattera si dice «fiduciosa dopo questa positiva chiusura di mercato. Mi aspetto una buona stagione». Anche Giada Asti plaude quest'ultima settimana, «in cui è stato fatto un buon lavoro, mentre prima, complice anche la vicenda-sms, la campagna acquisti ci aveva regalato ben poche soddisfazioni». Giorgio Iotti non si esalta troppo: «Fino a due settimane fa la campagna acquisti era disastrosa, ora invece sono arrivati giocatori che elevano il livello. Vedremo quanto, ma di certo bisognerà cambiare mentalità rispetto alla partita col Pisa: più agonismo, grinta e determinazione. Per salvarci dovremo lottare su ogni pallone». Vito Copelli parla di campagna acquisti «discreta. Ci vorrà un po' di tempo per amalgamare la rosa». Per Bruno Bia «i nomi ci sono, bisogna che si integrino. Abbiamo molti giocatori in prestito, che non è come possederli, ma acconteniamoci: faremo di necessità virtù». Per Nicola Toni, modenese di Pavullo nel Frignano che segue il Parma da anni e si è abbonato in Curva Nord, «Sono arrivati giocatori, come Inglese e Grassi, abituati a lottare per la salvezza, che può anche arrivare con un certo anticipo. D'Aversa si è meritato questa chance in A, mi auguro possa sfruttarla al meglio».

Mercato promosso pure per Michele Bertoli: «Faggiano merita 7.5, specialmente considerando il budget a disposizione. Ho qualche dubbio sulla difesa, ma sono anche convinto che, quando Bastoni starà bene, potrà essere un ottimo innesto. Ho fiducia nel centrocampo: Stulac, Grassi e Rigoni possono fare molto bene. E davanti ora tutti parlano di Inglese, ma a mio avviso anche Cervaolo ha le doti per giocarsela in A».

Nicolò Giovanardi definisce il mercato del Parma «tutto sommato sufficiente. Mi preoccupa non aver preso un altro vero difensore centrale e avere la coperta corta sulla destra. Però credo che Faggiano da parte sua abbia fatto il massimo e, dalla vita in su, questo Parma mi sembra una buona squadra».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal