Sei in Archivio bozze

IL PERSONAGGIO

Mazzadi, l'Indiana Jones della Valtaro

19 agosto 2018, 07:00

Mazzadi, l'Indiana Jones della Valtaro

TOMMASO VILLANI

BEDONIA - E' una sorta di Indiana Jones delle nostre terre il valtarese Emanuele Mazzadi. Ha 37 anni e vive a Bedonia. Conseguita la laurea in Architettura, specializzandosi in restauro e bioarchitettura, comprende che l'Appennino è una terra dell'anima e non solo geografica.

Il Monte Penna e le verdi vallate circostanti richiamano suggestioni in lui a tal punto dal decidere che la vita professionale deve avere un nesso con quei territori montani. Così nel 2012 consegue la qualifica di Guida ambientale escursionistica (Gae), un modo per trasmettere l'amore per la natura e una attività economica che ben si integra con la libera professione di architetto. Emanuele racconta cosa significa essere una Gae: «E' una figura professionale abilitata ad illustrare sia ad un singolo individuo che a gruppi di persone gli aspetti ambientali e naturalistici di un territorio (montano, collinare, di pianura e acquatico), anche antropizzati, compresi parchi ed aree protette. E' un professionista a tutto tondo: esploratore, instancabile camminatore, con doti di antropologo e etnologo, appassionato di storia e archeologia; in sintesi un moderno ''Indiana Jones'', una sorta di dotto avventuriero».

La Gae è l'unica associazione di categoria riconosciuta dal ministero dello Sviluppo economico. Emanuele deve l'infinito amore per la natura e la botanica, in particolare per le erbe officinali, agli insegnamenti di Giannino Agazzi, icona dei luoghi valtaresi.

Nel 2012 con altre tre Gae crea l'Associazione Guide Ambientali Escursionistiche Valtaro e Valceno. Oggi l'Associazione ha 12 guide e garantisce circa 150 giorni di escursioni all'anno. Tra le mete principali: Cinque Terre, Appennino Tosco Emiliano, Trentino, Valle d'Aosta; spesso si attraversano antichi villaggi, per lo più disabitati, rievocando le tradizioni della montagna. La durata varia da uno a tre o più giorni; in genere il principiante predilige escursioni di una sola giornata, mentre gli esperti scelgono itinerari più lunghi.

«Dal 2015 vantiamo un boom di adesioni alle nostre “vacanze alternative” - spiega Mazzadi -. Il successo è frutto di saper combinare l'aspetto atletico del trekking, con la conoscenza storica-architettonica ed ambientale-paesaggistica dei luoghi. La guida escursionistica non è un “navigatore satellitare” che sceglie l'itinerario migliore e indica tempi di percorrenza, sarebbe riduttivo, ma un uomo smanioso di condividere il suo sapere. Ha un ruolo ben più ampio del semplice: organizzatore di una camminata. I partecipanti alle nostre escursioni vanno dai 20 ai 70 anni, sono in buona salute, e due terzi sono di sesso femminile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal