Sei in Archivio bozze

Il ritratto

Elisa, sorriso contagioso e amore per la vita

di Roberto Longoni -

20 agosto 2018, 07:02

Elisa, sorriso contagioso e amore per la vita

«Nemmeno la morte ha scalfito la sua bellezza». Vedere in viso la sorella per il riconoscimento in Medicina legale, per Andrea Baldi ha reso ancora più difficile credere a tutto questo. Attraverso i lineamenti di Elisa, sembra che la vita ancora vinca. E invece non è nemmeno un incubo quello che in cui si è sprofondati, ma la peggiore delle realtà. Spento per sempre il sorriso di Elisa. Il silenzio sulle sue labbra, al posto di quella chiacchiera aperta e coinvolgente. Pare impossibile.

La casa dei Baldi è oltre le villette a schiera di via Bruna Piatti, una strada cieca di Malandriano. Qui, dove Elisa viveva da una ventina d'anni con la mamma Mara e il papà Rino, ora abita un dolore composto e quasi ammutolito, moltiplicato dall'effetto sorpresa: una figlia, una sorella, che parte per una serata tra amiche, per non tornare più. Informato della tragedia, il padre si è recato sul posto dell'incidente. E in silenzio ha deposto un fiore dove si è spezzato il cammino terreno della sua Elisa. Dal mattino, i parenti e gli amici si presentano senza sosta: il nodo alla gola, gli occhi rossi di pianto. Increduli anche loro, così come i vicini.

Perché lei era una di quelle ragazze nate per vivere e per condividere il bello dell'esistenza con chi le stava intorno. Solare, perché bionda e luminosa com'era davvero portava il sole tra gli altri. Così era stato nei vari posti di lavoro, nei quali i colleghi diventavano presto suoi amici, grazie al calore del suo carattere. E così era nell'ufficio postale di Lesignano Bagni, da lei diretto. Diplomata in ragioneria, lei aveva ottenuto questo posto da un paio d'anni, dopo aver lavorato per la Coop di via Gramsci. Tutta un'altra vita, ma i legami erano rimasti.

Sportiva quel che basta per sentirsi in forma (andava in palestra e amava camminare e andare in bici), Elisa aveva una grande passione per gli animali. Fin da bambina aveva imparato ad amarli, nelle estati trascorse a Neviano Arduini, nell'azienda agricola dei nonni. «Cani, gatti, cavalli... Le sarebbe tanto piaciuto fare la veterinaria - mormora il fratello, fisioterapista all'Euro Torri -. Peccato che avesse così paura degli esami: a scuola, anche un'interrogazione la metteva in crisi».

Un lato timido nascosto in un cuore estroverso. Amante della compagnia, Elisa aveva trascorso il sabato sera con le amiche. Per cena, sushi e acqua minerale. Un menu semplice, condito con le risate di una gioia spensierata. Con un carattere come il suo, Elisa sarebbe rimasta giovane per sempre. Il destino ha voluto che fosse una strada a pochi chilometri da casa a rubarle tutti gli anni in un attimo.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal