Sei in Archivio bozze

BARDI

La Pala del Parmigianino è tornata a «casa»

21 agosto 2018, 07:00

La Pala del Parmigianino è tornata a «casa»

ERIKA MARTORANA

BARDI - Ha finalmente fatto ritorno a «casa», la celebre Pala del Parmigianino. Il quadro, intitolato «Matrimonio mistico di santa Caterina con i santi Giovanni Evangelista e Giovanni Battista», rappresenta una grande opera del 1521 del pittore Francesco Mazzola, conosciuto come il Parmigianino. L'opera ritrova dunque la sua tradizionale dimora, situata all'interno della Beata Vergine Addolorata di Bardi, la principale chiesa del borgo, dopo un lungo restauro e un'importante mostra dedicata a svariate opere restaurate a Roma.

Vari i passaggi dell'opera di restauro. In particolare, la revisione di quelli precedenti ha comportato inizialmente l'adesione dei numerosi sollevamenti della pellicola pittorica che interessavano l'intera superficie dipinta, causati da un vecchio telaio che vincolava il naturale movimento delle assi che costituiscono il tavolato. Successivamente è stata realizzata una nuova struttura di sostegno idonea alla conservazione del dipinto. Dal confronto con la Soprintendenza ai beni artistici e storici di Parma e la proprietà ecclesiastica è emersa la necessità di intervenire sulla grande lacuna del San Giovanni Battista con una reintegrazione che conferisse integrità di lettura alla composizione pittorica: si tratta di una ricostruzione ipotetica dettata dall'esigenza di restituire l'equilibrio spaziale della figurazione nel suo insieme, realizzata con il sistema del tratteggio, e pertanto riconoscibile ma anche reversibile.

Il merito di aver portato a Bardi questo prezioso pezzo di storia va, nei secoli passati, a Federico II Landi, ultimo principe del castello della casata dei Landi, che aveva voluto arricchire la fortezza con vari dipinti, una ricca biblioteca e una vasta armeria. Dopo il passaggio del castello ai Farnese e le tante vicissitudini storiche, non è stato facile mantenere a Bardi quest'opera, che testimonia assieme ad altre iniziative del principe, le sue intenzioni di impreziosire e migliorare il suo principato: il castello ma anche l'intero territorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal