Sei in Archivio bozze

Collecchio

L'alpino Carlo Mori è «andato avanti»

22 agosto 2018, 07:00

L'alpino Carlo Mori è «andato avanti»

COLLECCHIO A 98 anni Carlo Mori, ultimo reduce del Gruppo alpini di Collecchio, è «andato avanti». Pur abitando nel Reggiano, era molto legato agli alpini collecchiesi alla cui attività ha partecipato nel tempo libero dal suo lavoro e nei tempi concessi dalla salute e dall'età.

Ha trascorso la sua vita a Praticello di Gattatico, in provincia di Reggio Emilia, nel proprio podere, ora condotto dal figlio e dal nipote. Si è sempre interessato, sino ultimi giorni della sua vita, dell'andamento dell'attività agricola costituita sopratutto da una stalla con numerosi capi di bestiame per la produzione di latte.

Carlo Mori, classe 1920, assieme al fratello Otello, ha combattuto sul fronte greco-albanese, aggregato alla Brigata Alpina «Cuneense», mentre un altro fratello era soldato in Corsica. A causa dell'armistizio dell'8 settembre 1943 Carlo Mori fu deportato in un campo di concentramento in Germania dove rimase fino al 1945.

Per i suoi trascorsi bellici fu insignito di diversi riconoscimenti da parte della sezione degli alpini di Parma, del comune di Gattatico, della provincia di Reggio Emilia e della Repubblica Italiana.

Quando qualcuno lo andava a trovare esibiva con una celata soddisfazione medaglie, targhe e pergamene, ma senza nostalgie: per lui erano solo ricordi di un tempo di guerra che lo mise in seria difficoltà insieme ai fratelli.

Tutta la sua famiglia, che lavorava in campagna, a causa del conflitto è, infatti, rimasta sprovvista «di braccia» indispensabili per la coltivazione della terra e per accudire il bestiame. Fortunatamente Carlo Mori e i suoi fratelli dopo la guerra sono stornati a casa e hanno ripreso la loro vita di agricoltori.

Una rappresentanza del Gruppo Alpini di Collecchio ha partecipato con il gagliardetto alle esequie che si sono svolte nella chiesa di Praticello alla presenza di numerose persone.

La «Preghiera dell'Alpino» ha salutato il «vecio» a suggello di una vita dedicata alla famiglia, al lavoro e al nostro Paese.

g.f.c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal