Sei in Archivio bozze

Salsomaggiore

Disinfestazione mentre i clienti pranzano: al Bel Sit è rabbia

26 agosto 2018, 07:00

Disinfestazione mentre i clienti pranzano: al Bel Sit è rabbia

«Ore 13,45. E' possibile fare una disinfestazione con la gente seduta a mangiare in un ristorante?». A chiederlo alle autorità competenti alcuni giorni fa, tramite un post su Facebook che ha ricevuto numerosi commenti di solidarietà, è stato Claudio Zanchetta, titolare del Bel Sit di viale Romagnosi, che si è visto sfilare davanti al locale, a quell'ora affollato di persone sedute nel dehors intente a pranzare, un mezzo per la disinfestazione antizanzare. «Non abbiamo avuto nemmeno il tempo di reagire tanto è stato lo stupore nel vedere il mezzo passare con lo spruzzo aperto – afferma Zanchetta –. Dopo i primi attimi di smarrimento, ho provato a richiamare l'attenzione dell'operaio che però non ha sentito proseguendo la sua marcia sul marciapiede. Intanto però c'è stato un fuggi fuggi di clienti verso l'interno del locale ovviamente preoccupati per quanto successo». Una scena che, osservata da fuori e se non avesse avuto risvolti pericolosi per la salute, avrebbe suscitato una certa ilarità vedendo i clienti in fila, ognuno con il proprio piatto, entrare frettolosamente nel locale. Naturalmente lo stupore nel volgere di breve tempo ha poi lasciato spazio all'arrabbiatura visto anche il danno provocato.

«Sì, sono molto arrabbiato – prosegue Zanchetta –. Si parla tanto di rispettare le norme di tutela della salute pubblica, siamo obbligati ad investire in attrezzature e mettere a norma le strutture, e poi succedono questi episodi: forse le regole valgono solo per il privato cittadino e non per la pubblica amministrazione? Per quale motivo la disinfestazione è stata effettuata in quell'orario con il mio locale gremito di clienti? Sarebbe interessante sapere se la stessa cosa è accaduta anche davanti ad altri ristoranti. Inoltre vorrei che chi di competenza mi spiegasse le ragioni del passaggio all'ora di pranzo: normalmente la disinfestazione è effettuata in orari notturni e con un congruo preavviso. Ovviamente sono stato danneggiato».

E non è la prima volta: nei pressi del Bel Sit, infatti, si trova uno dei due vespasiani liberty rimasti in città che, come il gemello che si trova nei pressi della stazione, è chiuso da tempo. «Nonostante ciò viene utilizzato ugualmente, dunque lascio immaginare l'olezzo che si respira soprattutto nei mesi estivi. Speriamo che a questa situazione venga posto rimedio» conclude Zanchetta.

M.L.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal