Sei in Archivio bozze

VOLONTARIATO

Circolo dipendenti sanità, bando per la gestione

30 agosto 2018, 07:00

Circolo dipendenti sanità, bando per la gestione

PIERLUIGI DALLAPINA

Era il 14 ottobre 1987 e all'epoca il sindaco Lauro Grossi stava governando la città durante il suo secondo mandato quando il Comune concesse in diritto di superficie al Cral Usl, per una durata di 30 anni, un'ex casa colonica in via Casati Confalonieri e il terreno per la realizzazione di due campi da calcio, quattro campi da tennis e quattro campi da bocce. Quella concessione trentennale è scaduta il 13 ottobre 2017 e ora l'amministrazione comunale dovrà pubblicare un bando per trovare chi gestirà nei prossimi anni l'immobile e l'area sportiva di proprietà del Comune.

La sola idea del bando ha messo in agitazione alcuni iscritti al Circolo dipendenti sanità, come dimostrano la lettera inviata al giornale e il post su Facebook pubblicato da Enzo Vincenzi. «Con la convenzione scaduta alcune delle attività ricreative del Circolo sono state sospese – scrive Vincenzi -. Anche il tesseramento all'Arci, (il circolo vanta 1600 tesserati), in vista del nuovo anno è sospeso. Il gestore del bar e del ristorante che trova posto nella struttura ha dato la disdetta, ma risulta impossibile sostituirlo fintanto che non sarà effettuato il rinnovo della convenzione che a quanto pare il Comune non ha nessuna intenzione di concedere se non dietro una gara d'appalto. A questo punto, stante lo stato delle cose, c'è da chiedersi se i dipendenti dell'Azienda ospedaliera e la gente del quartiere siano al corrente della situazione e abbiano preso coscienza che da qui a poco potrebbero scipparci il circolo. Arci, sindacati, politici di destra e sinistra cosa aspettano a prendere posizione? Bei tempi quelli in cui il sindaco era Lauro Grossi e l'assessore competente Lionello Leoni».

All'invettiva risponde il vicesindaco Marco Bosi, responsabile della delibera in cui viene ricordata non solo la scadenza della convenzione trentennale stipulata ai tempi del sindaco Grossi, ma anche la concessione temporanea, fino al 31 dicembre, dell'edificio di via Confalonieri al Circolo dipendenti. «Sia chiaro che da parte del Comune non c'è nessuna intenzione di penalizzare il circolo. Sono contento di come è gestita l'area, ma la normativa ci impone di affidare i beni comunali attraverso una procedura ad evidenza pubblica», chiarisce Bosi, sottolineando che per la pubblica amministrazione le leggi attuali sono molto diverse da quelle in vigore 30 anni fa.

Il bando per riaffidare l'immobile dovrebbe essere pronto entro l'autunno, mentre i campi da calcio sono stati affidati all'Astra, cioè alla società che ha presentato l'unica offerta per accaparrarsi la loro gestione quando è stato pubblicato il bando ad hoc. Al bando, ricorda il vicesindaco, non partecipò la squadra dei dipendenti della sanità.

Il circolo sembra invece intenzionato a partecipare alla gara per l'assegnazione dell'ex casa colonica, come afferma la presidente, Patrizia Monteverdi, su Facebook: «Il Comune sta ora allestendo la gara per la riassegnazione dell'area del nostro circolo, gara alla quale ovviamente parteciperemo sperando di riuscire a vincerla».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal