Sei in Archivio bozze

Colorno

Morto Alberto Becchi, il mago del filo di ferro

12 settembre 2018, 08:00

Morto Alberto Becchi, il mago del filo di ferro

Cristian Calestani

Con un semplice fil di ferro o di ottone, modellato con piccole pinze, dava vita ad oggetti unici che potevano diventare gioielli da indossare, ma anche piccoli preziosi che per anni hanno decorato le targhe consegnate da enti ed associazioni del territorio per riconoscere l'impegno civile e religioso di diversi cittadini. Per questa sua abilità il cavalier Alberto Becchi – colornese scomparso a 85 anni – era diventato per tutti l'artista del fil di ferro, in grado di abbinare la manualità dell'artigiano alla fantasia. Nel piccolo laboratorio sotto casa – in via Mazzini a Colorno, di fronte al duomo di Santa Margherita – c'era il suo mondo, semplice come i tratti della sua personalità. Becchi era nato a Boretto nel 1933, ma dal 1954 viveva a Colorno. La passione per la realizzazione di oggetti con il fil di ferro l'aveva coltivata sin da bambino, da quando aveva iniziato a realizzare in autonomia i giochi che vedeva esposti nelle vetrine, ma che erano spesso troppo cari per poter essere acquistati. Col passare del tempo Becchi, nonostante l'attività di elettrauto prima e la gestione di una ditta specializzata in attrezzature per autofficine poi, non ha mai smesso di coltivare quella passione, che gli aveva permesso di ricevere, nel 1985, l'onorificenza di Cavaliere del Sovrano Ordine di San Giovanni di Gerusalemme della croce di Malta, e poi di commendatore.

«La pinza è la mia matita» ripeteva spesso. Becchi modellava figure ed oggetti con pazienza certosina, unendo le varie parti di filo di ferro con micro saldature. Nelle opere di Becchi, molte delle quali divenute poi quadri, veniva rappresentato il mondo contadino, il territorio della Bassa con i suoi monumenti simbolo, lo sport – primo tra tutti il ciclismo, disciplina di cui era stato atleta, direttore di gara e dirigente – e la vita religiosa, tanto che alcune sue realizzazioni sono state donate a papi. Becchi, attivissimo anche nel gruppo degli artiglieri di Colorno e Torrile di cui è stato presidente, lascia la moglie Adriana ed i nipoti. Il funerale sarà celebrato questa mattina alle 9.15 nel duomo di Colorno. Il cavaliere riposerà poi nel cimitero di Boretto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal