Sei in Archivio bozze

IL CASO

Il Fidenza calcio gioca a Busseto. Con polemica

14 settembre 2018, 08:00

Il Fidenza calcio gioca a Busseto. Con polemica

L'amarezza «per essere stati cacciati dalla nostra città, con l'unica colpa di disputare un campionato di una categoria inferiore rispetto alle altre due squadre di Fidenza». Ma anche la soddisfazione «per la disponibilità e l'ospitalità concesse dall'amministrazione di Busseto», e l'orgoglio «per la grande considerazione qui ricevuta nei confronti della nostra gloriosa società sportiva».

Parole agrodolci, quelle pronunciate dal vicepresidente del Fidenza Calcio, Giorgio Chiesa, nella sala consiliare del Municipio di Busseto, dove è stato presentato l'accordo tra la società borghigiana, il Gsd Busseto Calcio e l'amministrazione della cittadina verdiana, per la disputa delle gare interne del Fidenza allo stadio bussetano intitolato a Faustino Cavagna, data l'indisponibilità dell'impianto casalingo Ballotta.

Lo stesso Chiesa ha accennato alle difficoltà affrontate dal Fidenza calcio negli ultimi anni, segnate in particolare da tre retrocessioni consecutive: «Dopo un lungo periodo di militanza nel campionato di serie D, la società è entrata in una crisi dovuta principalmente ad una gestione societaria errata. In momenti come questi è fondamentale legarsi al territorio e alle rispettive amministrazioni».

E il Fidenza calcio, dopo giorni di polemiche con le altre realtà calcistiche borghigiane, si è gemellato con Busseto: «Siamo soddisfatti della scelta compiuta dalla società bianconera – ha commentato il vicesindaco Gianarturo Leoni, presente con l'assessore Stefano Capelli – e ci auguriamo che la permanenza a Busseto sia piacevole e proficua dai punti di vista sportivo e logistico».

«L'opportunità di ospitare il Fidenza è la ciliegina sulla torta in un anno in cui, insieme allo Junior Pallavicino, il settore giovanile calcistico di Busseto detiene una squadra per ciascuna annata», ha commentato Angelo Tinelli, presidente del Gsd Busseto: «Qui si potrà respirare aria di grande calcio ogni domenica, grazie all'impegno dell'amministrazione bussetana e dell'intero staff al mio fianco». M.D.

Pincolini «Proposte soluzioni non accettate dalla società»

A nome di Sogis, la società pubblica che gestisce gli impianti sportivi di Fidenza e Salso, interviene il presidente Vincenzo Pincolini, il quale ha spiega che «dispiace che la società Fidenza calcio abbia deciso di andare a giocare a Busseto. Perché non è stata obbligata a farlo, ma lo ha deciso nella sua autonomia, che rispetto. Vale la pena ricordare che il Fidenza calcio avrebbe potuto tranquillamente continuare a disputare il suo campionato in città, proprio come continua a fare con gli allenamenti. Diciamo, allora, le cose come stanno: il Fidenza calcio voleva giocare il campionato nel campo centrale dello stadio Ballotta, proprio come fanno le altre due realtà sportive (Fidentina e Borgo San Donnino). Cosa è successo? E' successo che le altre due squadre giocano in una categoria superiore e per questioni di calendario sportivo determinato dalla Figc e dal regolamento che da sempre definisce come usare le strutture sportive (lo conosce bene anche il Fidenza calcio) si sarebbe creata una sovrapposizione di orari e partite sullo stesso campo da gioco. Al Fidenza calcio sono quindi state offerte soluzioni alternative per poter disputare il campionato a Fidenza». «Avendo iniziato la mia carriera nel Fidenza calcio – ha continua Pincolini - società storica e gloriosa, mi dispiace veramente vedere questa società ai titoli di coda. Si potrebbe sospettare che dietro alla scelta di giocare fuori Fidenza, ci siano altri motivi ma non tocca a me analizzarli. Sono invece molto contento di aver messo allo stesso tavolo Fidentina e Borgo San Donnino per far sì che il calcio a Fidenza abbia un oggi pieno di entusiasmo e un futuro che potrà ancora migliorare». r.c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal