Sei in Archivio bozze

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

24 settembre 2018, 07:00

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

CRISTIAN CALESTANI

«Non c’è stato nessuno scippo. Si è solo cercato di garantire la continuità di un evento che ha valenza turistico-culturale e una ricaduta economica sul territorio della Bassa». Il sindaco di Colorno Michela Canova respinge al mittente le pesanti accuse lanciate all'amministrazione comunale dalla Confraternita del Tortél Dóls in merito alla scelta del Comune di organizzare autonomamente per il 14 di ottobre la festa «Un tortello, tante storie» dopo che la Confraternita aveva manifestato l’impossibilità ad organizzare quest’anno il classico Gran Galà poiché fortemente impegnata nei giorni precedenti – sia in termini economici che di forza lavoro volontaria – nell’organizzazione del raduno nazionale delle confraternite Fice (Federazione italiana circolo enogastronomici).

«Le dichiarazioni della Confraternita riportate nell’articolo della Gazzetta contengono numerose inesattezze e considerazioni false - scrive il sindaco -. Per rispetto del lavoro fatto in questi anni non avremmo voluto rispondere, ma c’è un limite a tutto, in questo caso ampiamente superato. Nel mese di giugno - ricostruisce il sindaco - la Confraternita del Tortél Dóls ha comunicato la decisione di non poter realizzare l’edizione 2018 della manifestazione a causa dello sforzo organizzativo profuso nel raduno nazionale dei circoli enogastronomici. L’amministrazione ha fin da subito manifestato l’intenzione di mantenere vivo l’evento accollandosi gli oneri organizzativi, chiedendo alla Confraternita una partecipazione attiva e la sua presenza in uno stand per l’esposizione, la lavorazione e la vendita dei tortelli. Dopo alcune settimane la Confraternita ha però legittimamente declinato l’invito. Su sua esplicita richiesta si è deciso di non utilizzare la dicitura Gran Galà, ma la parola Tortél Dóls, marchio registrato alla Camera di Commercio di Parma, con l’intento di tener viva l’attenzione e la promozione del piatto».

«In tutti questi anni - continua la Canova - il Comune di Colorno ha collaborato fattivamente all’organizzazione dell’evento riconoscendo un contributo annuale di 1.500 euro dal bilancio del Comune e 2.500 euro della quota associativa versata da Colorno alla Strada del Culatello, ritenendo il Gran Galà del Tortél Dóls meritevole al pari del November Porc. Non si è trattato di fare il supereroe - aggiunge il sindaco replicando alle accuse -, ma di garantire la continuità di un evento che ha una valenza turistico culturale e una ricaduta economica sul territorio della Bassa. Non ho mai considerato la riunione nazionale dei circoli enogastronomici come una “pagliacciata“, termine che non ho mai usato, ma anzi un’opportunità se legata all’evento celebrativo del Tortél Dóls. Da lì la decisione di impegnare un gruppo di lavoro formato dal Comune di Colorno, dall’associazione Turbolenta e da Enrico Bergonzi, coordinatore del Consorzio Parma Quality Restaurants. L’organizzazione dell’evento avrà un costo complessivo che non supererà i 20mila euro, in parte finanziati da privati».

«Nessuno scippo - precisa ancora la Canova -, dunque, o voglia da parte del Comune di escludere chi da anni ha riportato al centro dell’attenzione un piatto della nostra tradizione ed è proprio per questo motivo che abbiamo ritenuto di mantenere viva la manifestazione, pur se in una formula ridimensionata».

In conclusione dell'intervento, una punta di amarezza da parte del sindaco di Colorno: «Spiace davvero assistere a questo atteggiamento evidentemente in malafede: avvelenare i pozzi però non conviene a nessuno, l’acqua che beviamo è la medesima, e come comunità dovremmo lavorare tutti per l’interesse collettivo».

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal