Sei in Archivio bozze

STAZIONE

Rapinò un ragazzo sulle scale mobili: condannato a tre anni

13 ottobre 2018, 07:00

Rapinò un ragazzo sulle scale mobili: condannato a tre anni

Per entrare in azione avevano scelto con cura il luogo: le scale mobili della stazione ferroviaria. Obiettivo: «alleggerire» qualche viaggiatore infilandogli le mani in tasca e sottraendogli quello che riuscivano. È quello che è successo anche il 3 maggio dell'anno scorso, quando dopo svariati tentativi andati a vuoto, finalmente i due malviventi erano riusciti nel loro intento. Ma la reazione del derubato aveva provocato in uno dei due un gesto violento, una violenta spallata, che aveva trasformato il furto in rapina, ancorché impropria.

E proprio per questo reato è stato condannato ieri un maghrebino di 34 anni, recidivo e pluripregiudicato per reati contro il patrimonio: tre anni di reclusione e 600 euro di multa la pena inflitta dal giudice Maria Cristina Sarli (il pm Laila Papotti aveva chiesto tre anni e sei mesi e mille euro di multa). Accolta la richiesta dell'accusa di disporre la custodia in carcere.

Quel pomeriggio del 3 maggio 2017 un ragazzo italiano si trovava sulle scale mobili della stazione, quando si è accorto che qualcuno gli stava infilando una mano in una tasca del giubbotto. Subito si è girato e ha tentato di bloccare quell'uomo, che però gli aveva già sfilato il cellulare e che, vedendosi scoperto, l'ha colpito con una violenta spallata che l'ha fatto cadere a terra. Il maghrebino è quindi fuggito e al ragazzo non è rimasto che sporgere denuncia alla polizia ferroviaria. Dall'analisi delle registrazioni delle telecamere di sorveglianza è emerso che il malvivente e un complice avevano precedentemente tentato diversi altri furti dello stesso tipo, senza riuscirci. Subito gli agenti hanno riconosciuto il complice (che tra l'altro, dopo la rapina, aveva aiutato la vittima a rialzarsi): un personaggio che frequentava spesso la stazione. Una volta identificato e rintracciato, da lui gli uomini della polfer sono riusciti a risalire all'autore della rapina, per il quale ieri è arrivata la sentenza di condanna a tre anni di reclusione. f.ban.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal