Sei in Archivio bozze

LUTTO

Addio a Gianalessandro Isi, letterato e melomane

20 ottobre 2018, 07:00

Addio a Gianalessandro Isi, letterato e melomane

ILARIA NOTARI

Un uomo di cultura, profondo conoscitore dell'arte e della musica, raffinato e garbato ma anche un parmigiano vero con la sua inconfondibile «erre» moscia, la passione per i tortelli d'erbetta e le battute pungenti, uno i cui pareri su cantanti e direttori d'orchestra, esternati lassù nella «piccionaia» del Teatro Regio, facevano giurisprudenza.

Si è spento al Maggiore all'età di 91 anni il dottor Gianalessandro Isi primogenito di quattro fratelli, Giandomenico, Giovanni Ludovico e Barbara, appartenente alla nota famiglia di avvocati.

Una meravigliosa annata di nascita la sua, lo aveva fatto trovare in classe al Liceo Romagnosi con i futuri giornalisti Giorgio Torelli, Baldassarre Molossi e Luca Goldoni e con gli stimati medici Capra e Zanchetti. Sempre disponibile ad un'intervista, con il dottor Isi si poteva parlare di tutto ma soprattutto ascoltare anche i divertenti racconti sulle sue abbuffate di trenta tortelli d'erbetta alla trattoria Adua di Via Garibaldi dove si recava quando la moglie era in vacanza.

«Mio fratello Sandro aveva una forza d'animo incredibile- spiega l'avvocato Giovanni Ludovico Isi -. Nonostante la malattia, in settembre per il suo compleanno era uscito con noi per mangiare una pizza. Diventato nonno a 88 anni era innamorato del suo nipotino Edoardo. Si intendeva di tutta la musica, anche di quella del ‘400 per organo. Leggeva tantissimo. Mio padre, che come i padri di allora non guardava alle inclinazioni personali, si era ostinato a farlo diventare notaio e gli fece fare l'esame. Fu bocciato tre volte! Non diventò nemmeno avvocato, non voleva fare il giurista. La sua vita era la musica. Allontanava la moglie, si chiudeva in una stanza, metteva un disco e con giacca nera e bacchetta bianca in mano giocava a fare Toscanini fingendo di dirigere l'orchestra. Da fuori lo sentivamo dire “qui non si sente l'oboe, i violini suonano piano! Aveva una bella materia grigia in testa».

Una persona piacevolissima, di grande umanità e comunicativa, amato da tutti anche dai più giovani del loggione. C'è anche lui, volto simbolo del terribile loggione di Parma, ritratto in una foto della mostra “Abitare il tempo” ora allestita sotto i Portici del Grano.

«Era una persona autorevole per la sua competenza. Mi faceva quasi soggezione quando io arrivai in loggione da ragazzo - spiega Stefano Bianchi del Club dei 27 -. Lui era uno dei decani e lo ammiravo perché non era il solito loggionista “capannone”». Il posto di Isi era il 15 di prima fila in “piccionaia”. ««Per anni siamo stati vicini - ricorda il loggionista Roberto Caraffini- Aveva una memoria prodigiosa nel ricordare cast e opere andate in scena nelle stagioni liriche. Un archivio vivente della storia di settant'anni d'opera al Regio, quando ancora il loggione ruggiva».

«Tutti i sabati- racconta l'editore Beppe Azzali- partecipava al cenacolo dei loggionisti in negozio da me dove si aprivano straordinarie dissertazioni su compositori e interpreti. Lui era ferratissimo. Amava Wagner e i grandi direttori d'orchestra tedeschi Kleiber, Karajan ma anche Celibidache. Era profondo nei suoi giudizi. Non è mai voluto entrare a far parte di un'associazione musicale, voleva essere libero!».

Il dottor Isi lascia la moglie Giovanna, la figlia Elisabetta e il fratello Giovanni Ludovico. Il rosario sarà recitato domani alle 17.30 presso la Chiesa di S. Teresa del Bambin Gesù, Oratorio dei Rossi in Via Garibaldi. Il funerale sarà nella stessa chiesa lunedi alle 14.30 partendo alle 14 dall'Ospedale Maggiore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal