Sei in Archivio bozze

PROVINCIA

Fritelli dà l'addio alla presidenza. «Sono stati anni duri»

23 ottobre 2018, 07:00

Fritelli dà l'addio alla presidenza. «Sono stati anni duri»

Luca Molinari

Ultima riunione per il consiglio provinciale e per il presidente Filippo Fritelli, che termina il suo mandato quadriennale in vista delle elezioni del 31 ottobre (l'unico candidato alla presidenza è il sindaco di Borgotaro, Diego Rossi). Ieri pomeriggio a Palazzo Giordani, la seduta del parlamentino ha anticipato l'assemblea dei sindaci durante la quale Fritelli ha presentato il resoconto di mandato. «Sono stati anni difficili, di rapidi e anche inattesi cambiamenti – ha esordito il presidente -. Il processo di riforma istituzionale (delle Province, ndr) determinato dalla legge Delrio, non si è mai completato dopo la battuta d'arresto determinata dal referendum del 2016. Continuo però a credere che la nuova Provincia delineata dalla riforma potrebbe funzionare: una casa dei Comuni, un ente snello, con meno competenze, ma più efficiente».

Grande il lavoro svolto nel corso di questi quattro anni per rispondere alle esigenze e contribuire al benessere della comunità. «Lo scenario iniziale era fortemente problematico – ha ricordato Fritelli - non si sapeva se avremmo potuto pagare gli stipendi o sgomberare la neve dalle strade provinciali. Poi abbiamo recuperato risorse con una riorganizzazione severa dell'ente, contenendo tutte le spese. Siamo passati dai 413 dipendenti del 2014 ai 154 di oggi: tutti sono stati accompagnati ad altri enti o all'uscita, o salvaguardati nel loro posto di lavoro nell'ente». Dalle Finanziarie degli ultimi due anni sono arrivate maggiori risorse e la Regione ha sostenuto molte spese per migliorare la viabilità e intervenire sul dissesto idrogeologico. «Abbiamo potuto dare risposte importanti per la messa in sicurezza e riqualificazione di strade e ponti, oltre che nell'edilizia scolastica – ha affermato il presidente -. Abbiamo inoltre sostenuto il riallestimento della Reggia di Colorno e il suo ripristino dopo l'alluvione. Sono stati trasferiti tutti gli uffici dalla sede di piazza della Pace a Palazzo Giordani, riunendo la Provincia in un unico edificio».

Fritelli ha quindi rivolto un ringraziamento a dirigenti, dipendenti, consiglieri e delegati, ricordando anche la promozione del nuovo programma di fabbisogno di personale, per rispondere alle nuove esigenze dell'ente. «Sono stato il primo presidente–sindaco non eletto direttamente dal popolo – ha dichiarato - ma da altri amministratori. E' stata un'esperienza importante, che in poco tempo mi ha formato e offerto una visione d'insieme del territorio». Durante la seduta del consiglio, Michela Canova, delegata all'Edilizia scolastica, ha illustrato la delibera relativa al fabbisogno per la messa in sicurezza degli edifici scolastici (adeguamento sismico e certificazione antincendi): per i vari interventi negli istituti sarebbero necessari 162 milioni di euro. Le risorse disponibili sono invece 12 milioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal