Sei in Archivio bozze

Serie A

E' il Parma la squadra più italiana

31 ottobre 2018, 05:00

E' il Parma la squadra più italiana

PAOLO GROSSI

Oltre ad essere la squadra più «vecchia» anagraficamente, il Parma nella serie A 2018-19 vanta un altro primato: è la più italiana tra le venti squadre. Sono solo 7 infatti gli stranieri alla corte di D'Aversa su un totale di 32 elementi in rosa. All'altro polo della globalizzazione calcistica c'è il Napoli, che ha in rosa l'84% di stranieri, ma come valori assoluti la Lazio e l'Udinese, rispettivamente con 25 e 24, sono le società che hanno fatto più spesa all'estero. Queste sono le proporzioni sulle rose depositate in Lega ma se si guardasse ai minuti giocati la percentuale «straniera» salirebbe ancora.

Il Parma ha questa prerogativa per una serie di motivi: intanto tre anni fa era in D , e quindi ha operato nelle ultime stagioni un mercato particolare, tant'è vero che lo scorso anno gli stranieri in rosa erano solo tre (Baraye, Sierralta e Da Cruz) mentre quest'anno si sono aggiunti Biabiany, Stulac, Alves e Gervinho).

In secondo luogo essendo la società così giovane, è difficile contare su una rete di scout che possa setacciare il mercato giovanile (perché lì devono insistere club di fascia medio-bassa) estero. In questo senso capostipite della caccia esotica è stata l'Udinese, che da anni attinge a piene mani ai campionati «foresti».

PRO E CONTRO

La preponderanza di italiani in rosa presenta come tutte le cose dei pro e dei contro: da un lato agevola il lavoro del tecnico, ad esempio sul piano della comunicazione. E' forse anche più facile, proprio perché le barriere linguistiche e culturali sono minime, che si cementi l'amalgama e lo spirito di gruppo, che affiori ove possibile un certo senso di appartenenza. Sull'altro fronte giocatori stranieri saranno più propensi a farsi scivolare addosso le tante e a volte ossessive tensioni che gravano sul calcio e i suoi interpreti, specie quando non arrivano i risultati. in questo senso social, talk show e giornali potranno infastidire certamente di più gli indigeni.

Che poi comprare tanto all'estero serva ai club anche per «magheggi» finanziari è un aspetto piuttosto comprovato ma spesso estraneo a logiche tecniche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal