Sei in Archivio bozze

DIOCESI

Don Maggiali, 60 anni di sacerdozio

01 novembre 2018, 05:00

Don Maggiali, 60 anni di sacerdozio

Luca Molinari

Don Luigi Maggiali, parroco di Ognissanti, è stato ordinato sacerdote il 1° novembre del 1958, a soli 22 anni. A sessant’anni di distanza, lo spirito e l’entusiasmo sono rimaste quelle di allora. I suoi parrocchiani lo festeggeranno domenica 11 novembre, durante la messa delle 11. Nel frattempo in tanti hanno fatto sentire la propria vicinanza allo stimato sacerdote. Un affetto e un calore che testimoniano il grande lavoro svolto nel corso degli anni come parroco e teologo. «Per poter essere ordinato – ricorda don Maggiali – ci volle un permesso speciale del Vaticano, perché ero troppo giovane rispetto a quanto prevedevano le regole».

La vita di don Maggiali è strettamente legata alla parrocchia di Ognissanti, dove ha trascorso gran parte della sua vita di prete. «Appena ordinato sono diventato cappellano a Ognissanti, a fianco dell’indimenticato monsignor Domenico Magri – racconta –. Poco più tardi il vescovo Colli mi ha mandato a Roma a studiare all’Università Gregoriana, dove mi sono laureato in teologia». Tanti i ricordi positivi di quell’esperienza. «Avevo degli insegnanti meravigliosi, tra cui il cardinal Martini – sottolinea –. Erano gli anni del Concilio Vaticano II e l’esperienza che ho vissuto mi ha completamente trasformato. Una volta tornato a Parma ho iniziato a insegnare teologia ai seminaristi, ai religiosi Cappuccini e successivamente anche ai laici. In buona sostanza insegno da una vita, ma amo ancora tantissimo questo mestiere». Don Maggiali ha inoltre insegnato per più di trent’anni religione al liceo classico Romagnosi. «Sono stati anni indimenticabili – dichiara –, ho imparato tanto dai miei studenti che ancora mi fermano per strada e mi chiamano “prof”».

Autore di una decina di libri legati alla fede e alla teologia, fa parte dell’Associazione teologica italiana, dalla quale ha ricevuto recentemente un premio per il suo impegno. «Il mio prossimo libro uscirà dopo Natale – annuncia – s’intitola “Gesù, l’uomo della relazione”. Sono infatti convinto che oggi più che mai sia necessaria una teologia in uscita, al pari della Chiesa di Papa Francesco». «La mia teologia – continua – nasce dal piacere di stare in mezzo alla gente e ai miei parrocchiani, in un continuo dialogo e confronto. Anche come prete non sono mai stato solo, perché ho sempre vissuto in comunità. Ancora oggi mi incontro spesso con i parroci delle parrocchie confinanti. Una delle più grandi povertà di oggi è la mancanza di rapporti umani».

Don Maggiali è inoltre l’assistente spirituale del Parma calcio dai tempi della squadra allenata da Nevio Scala. «I calciatori di allora, quando mi incontrano, mi salutano e mi abbracciano con calore – afferma –. Si era creato un ambiente di amicizia affiatato, che è rimasto nel tempo. Ho incontrato tanti campioni che spesso venivano a messa qui a Ognissanti. Asprilla si metteva sempre in fondo, Fabio Cannavaro invece mi ha regalato un calcetto per i ragazzi dell’oratorio. Oggi continuo questo servizio incontrando i calciatori e dirigente della prima squadra e delle giovanili nella prossimità del Natale e in altri momenti significativi dell’anno. E’ bello stare con loro e portare una testimonianza cristiana».

PARROCCHIE

Preti e amici da sessant’anni. Sono otto i sacerdoti che oggi celebrano i loro anniversario di ordinazione, avvenuta il primo novembre del 1958. Si tratta di don Rosolo Tarasconi, rettore della Steccata, don Luigi Maggiali, parroco di Ognissanti, don Elio Piazza, monsignor Giulio Ranieri, ex vicario generale della diocesi, don Giovanni Bocchi, parroco di Lesignano, don Gianni Gabba, attivo nella Nuova parrocchia di Noceto, don Enzo Ferrari, don Primo Dall’Asta, ex parroco di San Giuseppe, attualmente ospitato a Villa Sant’Ilario. Questi «compagni di classe», rimasti unitissimi nel corso degli anni, ogni settembre si ritrovano per celebrare assieme la messa e trascorrere una giornata in compagnia. Don Tarasconi dal novembre 2011 è il rettore della Steccata e dal 2004 presidente dell’Istituto diocesano sostentamento clero. Prima di ricoprire l’incarico alla Steccata don Tarasconi è stato per quasi vent’anni parroco di Alberi di Vigatto, dove ha lasciato un ricordo indelebile tra i propri parrocchiani. Don Elio Piazza è parroco di Scurano da oltre trentacinque anni mentre don Luigi Maggiali guida la chiesa di Ognissanti di via Bixio da circa quarant’anni. Monsignor Giulio Ranieri al fianco dell’indimenticato vescovo Silvio Cesare Bonicelli, ha ricoperto l’incarico di vicario generale della diocesi. Don Giovanni Bocchi dal marzo del 2008 è il parroco di Lesignano. In precedenza ha guidato la parrocchia di Cristo Risorto, in via Venezia. Don Gianni Gabba prima di approdare a Noceto è stato parroco di Pontetaro per circa vent’anni, di Baganzola per sedici anni e della parrocchia di San Paolo Apostolo (via Grenoble) per undici anni, facendosi apprezzare da tutti per le tante iniziative e progetti messi in campo. L.M.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal