Sei in Archivio bozze

TRAGEDIA DI FRAORE

Le amiche ricordano Angela, «generosa e sempre pronta ad aiutare gli altri»

01 novembre 2018, 05:02

Le amiche ricordano Angela, «generosa e sempre pronta ad aiutare gli altri»

Lorenzo Benedetti

BORGOTARO - Ha sconvolto e rattristato tutta la Valtaro l’improvvisa scomparsa di Angela Bozzia, vittima del tragico incidente avvenuto all’alba di martedì nei dintorni di Fraore mentre stava svolgendo il proprio servizio come milite volontaria: una passione, quella per le persone, che l’ha accompagnata in ogni sua attività ed ha contraddistinto il suo modo di essere.

È proprio così che la ricordano le amiche di sempre, che parlano di lei al presente e si commuovono al suo ricordo: «Descrivere Angela a parole è riduttivo: una persona solare e positiva, generosissima e sempre presente. Non solo volontaria in Pubblica, ma sempre disponibile a dare una mano in qualsiasi iniziativa e manifestazione richiedesse impegno – ricorda Daniela Delnevo, sua amica d’infanzia –: aveva uno straordinario modo di relazionarsi con chiunque, era una persona che amava la vita e viveva in modo gioioso: per me, un punto di riferimento importantissimo, essenziale, che mi mancherà moltissimo».

«Incontrarsi con lei era sempre una grande gioia, e i posti erano i più disparati – ricorda Alessandra Foschi, che con Angela ha condiviso gli anni della gioventù nel quartiere San Rocco a Borgotaro, dove insieme sono cresciute –: in paese per le feste, ad organizzare il Carnevale, che amava tantissimo, o per andare a trovare a Ferriere don Giuseppe Calamari, un tempo nostro parroco. Nei nostri momenti insieme, i ricordi ritornavano ai tempi in cui cantavamo nel coro della chiesa, ed entrambe sapevamo quanto eravamo state fortunate a vivere e crescere in una parrocchia così unita, con figure come padre Dario e suor Giuseppina, che ci hanno insegnato i veri valori della vita, tra cui l’immensa gioia di incontrare un amico ed esserci sempre per lui. E così è stato per noi – continua Alessandra –, sempre l’una per l’altra. Angela sapeva incoraggiarci, e con le sue parole ed il suo esempio aiutava a rialzarsi chi era a terra: questo ci rimarrà per sempre».

A lei fanno eco Alessandra Tamburini, che ricorda come «era la sua umanità a renderla unica, era nel cuore di tutti con la sua semplicità» e Giovanni Berzolla: «Ogni anno ricordavamo di scambiarci gli auguri per i reciproci compleanni – ricorda –: nel festeggiare i suoi cinquant’anni, le avevo detto che il 6 agosto, data del suo compleanno, due eventi avevano cambiato la storia: la bomba di Hiroshima e la sua nascita.

Davanti ad un paragone così forte lei si era messa a ridere, da persona di spirito quale era: il suo sorriso e la sua bontà d’animo sono una delle tante sfaccettature del suo carattere meraviglioso che ci rimarranno nel cuore».

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal