Sei in Archivio bozze

VIA SIGNORELLI

I ladri in casa: «Mi hanno rubato perfino le scarpe»

19 novembre 2018, 06:03

I ladri in casa: «Mi hanno rubato perfino le scarpe»

LAURA FRUGONI

La piccola Nina saltella in mezzo alla baraonda lasciata dai ladri. E' felice, tutto sommato: la giacca che le ha appena comprato la mamma è rimasta al suo posto nell'armadio.

«Vedi? Non me l'hanno rubata», e volteggia leggera tenendo stretta la gruccia. Bontà loro: non erano certo ladri che rispettano le proprietà dei bambini. I due piccoli brillanti che i parenti avevano regalato a Nina il giorno del battesimo li hanno scovati e messi in tasca. «E pensa che nemmeno io mi ricordavo dove li avevo nascosti - sospira Giorgia -. Sono andati a guardare in ogni stanza... hanno frugato dappertutto».

Giorgia Albertelli e Manuel Ghiretti ci aprono la loro casa di via Signorelli (zona di via Langhirano, elegante palazzina bifamiliare, sopra ci stanno loro e sotto un'altra famiglia) all'ora di pranzo. Sono giovani e gioviali, anche in un momento così. Hanno tre figli: oltre a Nina, la più grande (6 anni), c'è Ascanio (3 anni) molto impegnato a distruggere uno scatolone in cui s'è infilato mani e piedi e l'ultimo arrivato, Luigi Maria, quattro mesi, occhioni sgranati in braccio alla mamma.

Sabato pomeriggio la famiglia era uscita alle 17. Rientrati alle 20. «Siamo andati a un battesimo a Valditacca - racconta Manuel - quando abbiamo aperto la porta qui era il caos». Porta prudentemente schivata dai ladroni sia per entrare che per uscire: meglio l'arrampicata su per il pluviale fino al balcone del piano rialzato, ormai lo fanno in tantissimi, impazza il ladro versione uomo ragno.

Il padrone di casa mostra il vetro della porta finestra frantumato, poi un breve mea culpa: «Purtroppo ci eravamo dimenticati di inserire l'allarme». «A volte succede - interviene la moglie - con tre bambini piccoli finisci per entrare e uscire mille volte al giorno. E attaccare e staccare ogni minuto... Stupidamente ti dici: “mica verranno proprio questa volta”...».

Già, purtroppo «questa volta» è arrivata. E i gioielli di Giorgia non ci sono più, volati via insieme ai ricordi più cari. C'erano un paio di orologi preziosi. Un braccialetto che Manuel le aveva regalato da poco. «E un collier che mi aveva comprato mia nonna trent'anni fa, disegnato da un orefice di Corniglio», si rabbuia il bel viso di Giorgia, che è una ragazza dell'Appennino esattamente come Manuel. Nato a Monchio, da quando era bambino conosce bene anche questa pianura: «Questa era la casa di mio nonno, qui dietro c'erano soltanto campi».

Devono essersi presi tutto il loro tempo, i predatori. Per svuotare armadi e cassetti, per andare a sbirciare perfino negli angoli più improbabili - dentro uno sgabuzzino hanno smontato la scatola elettrica, smontato anche il comodino di Giorgia. Le hanno portato via anche un paio di scarpe, pescate dentro il letto-contenitore che lei usa a mo' di scarpiera. Non certo scelte a caso: «Erano nuove, di Gucci. Ancora dentro la scatola».

Ma dei vicini nessuno ha sentito strani rumori? «Macché. E se anche avessero sentito qualcosa, con il baccano che fanno di solito tre bambini, chi ci fa caso?».

Già, i bambini. Anche in un momento così devi mantenere uno straccio di autocontrollo. Perché lo spavento non scavi troppo nella mente infantile, diventando un trauma. Nina continua a gironzolare per la casa, un po' persa nei suoi giochi e un po' origliando i racconti di noi grandi. Hanno avuto paura i bambini?, la domanda esce sottovoce ma Nina è una tipa sveglia. Ci pensa un po', poi aggrotta la fronte: «Stanotte non ho quasi dormito».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal