Sei in Archivio bozze

Moletolo

Ladri in villa «zittiscono» i cani da guardia e l'allarme

30 novembre 2018, 06:03

Ladri in villa «zittiscono» i cani da guardia e l'allarme

Laura Frugoni

Inutili i cani da guardia: rimasti buoni e tranquilli. E (per fortuna) ritrovati in ottima salute. Inutile l'allarme: rimasto zitto e muto.

Già, la cronaca dell'ennesimo furto in abitazione - e parliamo di una villa in strada Moletolo, un bel rustico con tanto verde intorno e l'argine della Parma alle spalle - pare un gran rompicapo, stavolta. Roba da professionisti, su questo nessun dubbio.

E' la padrona di casa a farci da guida nel caos. Appena s'affaccia al cancello, d'incanto Emily e Maya smettono di abbaiare. Non sono esattamente due cagnoline da compagnia: forse i ladri s'erano portati qualche bocconcino prelibato. «Di sicuro non le hanno toccate e nemmeno drogate, quando sono rientrata stavano benissimo. In camera ho trovato un bastone... Scusate se è ancora tutto in disordine, ma è appena andata via la scientifica: si erano raccomandati di lasciare tutto com'era».

La grande porta vetrata sul retro della casa è una ragnatela di vetri: presa a mazzate, come la centralina dell'allarme, Letteralmente divelta.

«Sono rientrata dal lavoro ieri sera alle 22,30. Mio figlio era in pizzeria con gli amici, in casa pareva tutto normale. Poi però stacco l'allarme e non fa il solito bip... vedo una sedia rovesciata, la centralina dell'allarme per terra. Ho sentito i brividi sulla schiena e ho preso il telefono per chiamare mio figlio. “Vieni subito”. Per strada ha incontrato una pattuglia di carabinieri che l'hanno accompagnato fino a casa. Poi è arrivata anche la polizia».

Nelle camere al piano di sopra i ladri si sono scatenati: sul parquet una miriade di cassetti rovesciati e scatole vuote. Dentro un armadio hanno scovato la cassaforte e se la sono portata via (manovra semplice: non era ancorata al muro). Chissà come si saranno messi d'impegno per aprirla, una volta al sicuro. Chissà che delusione: era vuota.

«Gioielli di valore non ne ho: tengo tutto in banca. Hanno preso tre orologi Locman, qualche paio di orecchini che pensavano fossero d'oro bianco e invece erano d'argento. Qualche collana di Swarovski...».

Insomma, per la fatica che hanno fatto si sono ritrovati un bottino miserello (qualche migliaio di euro). Ma non è una gran consolazione per chi d'ora in poi non si sentirà più al sicuro in casa propria. «Abito qui da vent'anni e non era mai successo niente. Il sistema d'allarme magari era un po' datato... dovrò sostituirlo». Ma come hanno fatto a scovare e zittire la centralina appena prima che cominciasse a suonare? «La polizia mi ha detto che probabilmente avevano un rilevatore d'antenna. Appena entrati sono andati dritti a staccarla. Non sappiamo nemmeno bene da dove siano entrati: forse un buco nella recinzione, ma ieri sera era tutto buio... ancora non l'abbiamo trovato».

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal