Sei in Archivio bozze

PONTE SUL PO

Il Tar respinge la sospensiva: i lavori potrebbero partire già a Natale

06 dicembre 2018, 06:00

Il Tar respinge la sospensiva: i lavori potrebbero partire già a Natale

CRISTIAN CALESTANI

COLORNO Il Tar di Parma ha respinto l’istanza di sospensiva dei lavori sul ponte sul Po tra Colorno e Casalmaggiore. Si pronuncerà nel merito il 30 aprile del 2019, ma il risvolto più significativo è che gli interventi di sistemazione del ponte, chiuso da 15 mesi, potranno iniziare subito e, se non vi saranno ulteriori intoppi, terminare dopo 150 giorni.

È questo il verdetto pronunciato ieri dal Tar a seguito del ricorso presentato da Edilmecos-L&C lavori e costruzioni-Edil 2000 contro l’aggiudicazione dei lavori, da parte della Provincia di Parma - difesa dall’avvocato Paolo Michiara - a Coimpa-Micheli Primo officine meccaniche. Punto focale del ricorso la mancata attribuzione del massimo punteggio previsto dalla legge di gara al direttore tecnico dei ricorrenti.

«L’ordinanza del Tar – commenta Paolo Antonini, presidente del Comitato TrenoPonteTangenziale – dice che il ricorso non è “sorretto da fumus”, ossia non ha parvenza di fondatezza dal punto di vista giuridico. Questo ci fa ben sperare anche in vista della decisione sul merito. I giudici del Tar hanno tenuto ben presente l’interesse pubblico della tempestiva sistemazione del ponte, in questo dimostrando maggior attenzione e lungimiranza di quanta non ne abbiano mostrato in tutti questi mesi le amministrazioni pubbliche, alle quali avevamo chiesto più volte lo stato di emergenza. Come Comitato continueremo a monitorare la situazione. Faremo pressing affinché la Provincia di Parma proceda subito anche con l’appalto relativo all’installazione dei sensori che dovranno monitorare il ponte sistemato. Non vogliamo che ci sia il rischio di ulteriori perdite di tempo».

Soddisfatto anche il vicepresidente del Comitato Fausto Salvini: «Nel dare immediato avvio ai lavori la Provincia compie una scelta coraggiosa. Finalmente dopo mesi di disagi e difficoltà per le nostre aziende abbiamo la possibilità di programmare le nostre attività. Porteremo il caffè ogni giorno agli operai per controllare il loro lavoro».

Di «una buona notizia che permette di ripartire con l’iter dei lavori» parla il presidente della Provincia Diego Rossi che poi aggiunge: «Ora potremo procedere con la sottoscrizione del contratto con i vincitori dell’appalto e il via definitivo al cantiere. Serviranno alcuni giorni, cercheremo di fare il tutto nel minor tempo possibile». Incalzato su una data Rossi ipotizza di poter vedere gli operai al lavoro prima delle feste. «Vediamo la luce in fondo al tunnel dopo giornate di grande trepidazione – dichiara invece il sindaco di Colorno Michela Canova -. Ora non dobbiamo mollare la presa sul ponte nuovo, una partita sulla quale, come dimostra un’interrogazione del senatore Luciano Pizzetti dei giorni scorsi, il Pd non ha mai abbassato la guardia».

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal