Sei in Archivio bozze

Rapina

Oltre alla cassa derubato anche un cliente

11 dicembre 2018, 06:03

Oltre alla cassa derubato anche un cliente

LUCA PELAGATTI

L'impressione è che, come si suol dire, con parecchia faccia tosta c'abbiamo provato. E che gli sia andata bene. Anzi, forse meglio di quello che speravano loro stessi. E che adesso, nascosti da qualche parte, stiano contando il gruzzolo festeggiando. Magari pensando di bissare la fortunata razzia.

Sono due uomini, italiani e con accento meridionale, i banditi che ieri mattina, poco prima delle 11, hanno rapinato la filiale del Monte dei Paschi di Siena di via Emilia Est scappando con un bottino che si aggira intorno ai 7000 euro.

Il colpo è stato rapidissimo: il primo ad entrare è stato un uomo a volto scoperto che si è diretto verso la cassa dove si trovavano alcuni clienti in fila, cercando di distrarre il personale. Quindi è entrato il azione il complice, reso irriconoscibile da una sciarpa tirata sul volto e armato di un cutter, che a sua volta si è fiondato verso il banco. A quel punto il rituale di ogni rapina si è ripetuto.

I due hanno minacciato il personale e soprattutto il cliente che si trovava alla cassa impegnato a versare una somma di alcune centinaia di euro. L'uomo è stato allontanato bruscamente e i soldi che aveva appena deposto sul bancone sono stati arraffati in tutta fretta. Quindi è stata la volta della cassa: ormai, nelle banche, a portata di mano, sono disponibili solo poche decine di euro. Per somme più ingenti occorre aspettare l'apertura di cassetti temporizzati proprio per prevenire le scorrerie di banditi come questi. Ma in questo caso i rapinatori sono stati fortunati: un cliente aveva «prenotato» per un prelievo una discreta somma di denaro e quindi i rapinatori hanno raccolto quelle migliaia di euro. Quindi la fuga verso il parcheggio esterno da dove, con ogni probabilità sono saltati su un'auto in sosta. E si sono volatilizzati.

Nel giro di pochi istanti appena dato l'allarme sono arrivate in via Emilia Est le pattuglie delle volanti e gli uomini della Sezione antirapine della Mobile che hanno raccolto le prima sommarie informazioni dai testimoni e scorso le immagini delle telecamere. Ma per il momento senza esito. Per andare più a fondo occorrerà analizzare con più attenzione i video e controllare il traffico delle celle telefoniche. Ma si tratta di un lavoro lungo e minuzioso. Intanto anche la scientifica ha setacciato la filiale cercando eventuali tracce utili alle indagini. L'impressione è che si possa tratta di una banda raffazzonata di balordi in cerca di una somma facile: che hanno imbroccato la giornata fortunata. Solo il proseguire delle indagini permetterà di capire se questa buona sorte continuerà a sorridere loro.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal