Sei in Archivio bozze

LEGGE DI BILANCIO

Pizzarotti attacca la Lega, Cavandoli al contrattacco

14 dicembre 2018, 06:00

Pizzarotti attacca la Lega, Cavandoli al contrattacco

Fondi dei Comuni: è scontro in vista del via libera alla Finanziaria. Butta il sasso l'Anci («Senza i 300 milioni da Imu-Tasi si profila un taglio inaccettabile alle risorse necessarie per garantire i servizi ai cittadini» denuncia il presidente Antonio Decaro) e il sindaco Federico Pizzarotti, che dell'Anci è vicepresidente, rincara la dose e «parmigianizza» le critiche. Se la prende con il governo e si rivolge alla Lega («perché leghisti sono i parlamentari del territorio» dice). «Sta avvenendo un fatto grave - scrive su Facebook -. La Lega sta manovrando per tenersi a Roma le risorse Imu-Tasi che i Comuni destinano ai cittadini in forma di servizi. Parlo di una fetta importante dei 300 milioni essenziali che i Comuni ricevono dai cittadini, e ai cittadini ridanno in forma di servizi alla persona».

Pizzarotti calcola che potrebbero venir meno a Parma dai 2 a 5 milioni, se dovesse passare la norma. «Uno scenario che spero non si verifichi - dice -, ma che, a differenza del passato e dei precedenti governi che minacciavano di tenersi i proventi dell'Imu e della Tasi per poi cambiare idea, questa volta l'ipotesi sembra più concreta».

«Quelli che promettevano più fondi ai territori (“Roma ladrona!”) e ai Comuni, vogliono tenersi tutto a Roma, prosciugando le casse delle nostre città - prosegue Pizzarotti sempre su Fb -: in media parliamo del 25% circa della spesa corrente manovrabile. La Lega taglia alle città né più né meno di quello che tagliava il Pd. Leghisti uguali a chi li ha preceduti: il partito dell'onorevole Cavandoli ha tagliato i fondi alle nostre periferie (norma sventata dai sindaci), e adesso ci prova con l'Imu e la Tasi. E attenzione: toglie soldi ai Comuni ma senza abbassare le imposte. È un fatto gravissimo perché se dovesse passare in fase di approvazione del ddl Bilancio saremmo costretti a tagliare i servizi. A Parma come in tutte le altre parti d'Italia. Se la prendono con i più deboli e si spacciano come il “governo del cambiamento”. Daremo battaglia».

Arriva a stretto giro la replica di Laura Cavandoli, parlamentare parmigiana leghista «Premesso che a noi parlamentari e al governo piacerebbe avere nel sindaco di Parma un interlocutore invece di un soggetto in campagna elettorale permanente, vediamo invece che Pizzarotti ci ha regalato ancora una volta la dose quotidiana di bugie e piagnistei sui social. Ogni volta dice che il governo toglie qualcosa a Parma e poi si scopre che non è vero. Sostiene che il governo sottrae soldi ai Comuni... però lui, invece di attaccare il governo, attacca personalmente me e la Lega. Gli interessa solo attaccare chi ha il consenso».

«La Lega è l'unico baluardo contro il ritorno della vecchia politica degli amici di Pizzarotti - prosegue -. La cosa qualifica già il personaggio. Un sindaco che ama la sua città dovrebbe collaborare con il governo e i parlamentari di maggioranza nell'interesse di Parma. Un politicante sempre in campagna elettorale, invece, preferisce polemizzare. Tutte le sparate di Pizzarotti, come quelle sul Bando periferie, sugli investimenti per la sicurezza, sull'immigrazione, alla fine si rivelano per quel che sono: bugie. Per questo vuole approvare il bilancio del Comune in fretta e furia il 17 dicembre invece di aspettare fine mese e le previsioni del Bilancio dello Stato. Anche quest'anno preferisce lasciare tasse e tariffe al massimo e poi dare la colpa a qualcun altro, a un governo che sta lavorando nell'interesse di tutti i Comuni. Un governo che ha già sbloccato quasi 5 milioni per Parma e che reintrodurrà il fondo di compensazione Imu-Tasi che il Pd ha tolto».

r.c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal