Sei in Archivio bozze

Personaggio

Matteo Vezzani, lo stilista delle supercar

16 dicembre 2018, 05:00

Matteo Vezzani, lo stilista delle supercar

ANDREA DEL BUE

È lo stilista delle supercar. Stile, personalizzazione e lusso sono gli ingredienti per le produzioni del parmigiano Matteo Vezzani, direttore tecnico di Ares Design. Se vedete un bolide che assomiglia a una Pantera anni Settanta, ma romba come una Lamborghini Huracán, siete di fronte a una sua creatura. Ad Ares funziona così: si realizzano automobili su misura in base a volontà, gusti, esigenze e capricci del cliente. Quest'ultimo ci mette la cosiddetta «donor car», l'auto di partenza: Ferrari, Lamborghini, Porsche, Maserati sono solo alcuni esempi. Ares la trasforma in un omaggio a una macchina iconica del passato. Stoffa da auto d'epoca, con dettagli interni ed esterni curati nei minimi dettagli, nonché prestazioni da bolide moderno. Il tutto in strada, omologato, in piena sicurezza.

A dirigere i lavori di ogni nuova creazione, c'è Vezzani: parmigiano doc («nato e cresciuto sullo Stradone, ci tengo»), oggi vive a Sala Baganza con la moglie e i due figli. Ogni mattina si mette alla guida e raggiunge la motor valley, a Modena, dove c'è la sede di Ares Design. In questo ipertecnologico atelier delle supercar, ha responsabilità trasversali: produzione, reparto ingegneria, stile, sviluppo prodotto. È dai suoi calcoli, dal suo gusto e dalla sua creatività che escono i bolidi richiesti dai clienti.

A proposito di clienti, chi sono? «Persone molto facoltose - assicura Vezzani -: c'è il ricchissimo che ha anche 600 auto, oppure chi vuole un'auto unica e disegnata solo per lui». Costo dell'operazione? Un milione di euro, su per giù: lusso per pochi. «Realizziamo vetture connotate da una fortissima personalizzazione - spiega Vezzani -. Qui è come un atelier: tutto è curato nei minimi dettagli, tutto è perfettamente su misura». Nelle competenze e nell'essere di Vezzani ci sono la capacità analitica dell'ingegnere, la creatività del disegnatore, il gusto dello stilista, la passione per il lusso, la tentazione della velocità. La laurea è quella diventata emblema di difficoltà estrema: ingegneria aerospaziale.

Poi il bis, con disegno di automobili. Agli inizi degli anni Duemila, l'attività di ingegnere di pista: American Les Mans Series, Formula Nissan, un'esperienza col Team Venturini. Poi un lungo periodo in cui si divide tra cattedra - al Politecnico di Milano, dove era stato studente e dove torna da docente in missilistica – e l'attività professionale, in ambito edile e civile. Dieci anni così, ma il fuoco per le automobili mette la quarta e gli fa mollare tutto e tornare a scuola. Si iscrive all'Issam (Istituto superiore di scienza dell'automobile di Modena), dove si formano i nuovi Pininfarina e Giugiaro, e si diploma.

«È stato come iniziare di nuovo - racconta -: ho lavorato soprattutto nei materiali compositi, iniziando con Scuderie Campari a Casale di Felino, per arrivare in Ferrari, da consulente. In mezzo, un periodo da “mammo”». Dallo scorso luglio, l'incarico di direttore tecnico in Ares Design. «Dalla fondazione, nel settembre 2017, ad oggi, l'azienda è passata da quindici a cento dipendenti: una crescita vertiginosa – racconta Vezzani -. Facciamo omaggi di vetture iconiche, con lo stile dei sarti, perché l'automobile sia un pezzo unico, irripetibile, esclusivo per il nostro cliente. Tra i nostri obiettivi c'è sicuramente la prestazione, ma per noi è fondamentale l'affidabilità del mezzo: deve andare in strada, rispettando tutte le norme. In alcuni casi, è una bella sfida».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal