Sei in Archivio bozze

EDITORIALE

Non è normale. Non rassegniamoci

di Michele Brambilla -

21 dicembre 2018, 13:30

Non è normale. Non rassegniamoci

La foto che vedete qui sopra è stata scattata mercoledì mattina in centro a Parma. Si vede la polizia al lavoro dopo la rapina in villa di cui abbiamo dato notizia sulla Gazzetta di ieri. Alle 20,30 di martedì quattro, forse cinque delinquenti armati di pistola e martello hanno bloccato sul cancello di casa una donna sui quarant'anni, l'hanno minacciata, l'hanno costretta a disattivare l'allarme, poi l'hanno immobilizzata e legata a una sedia; quindi hanno aperto una cassaforte, hanno preso dei gioielli e se ne sono andati, non senza lasciare alla loro vittima un macabro e schifoso avvertimento: «Siamo dell'Est, se ci denunci torniamo ad ammazzarti».

Nell'articolo di ieri Laura Frugoni non ha scritto né il nome della donna rapinata né l'indirizzo di casa, per tutelare la privacy di una persona già duramente segnata da quanto le è successo. Ma nella foto si riconosce il Barilla Center, la zona è quella di viale Campanini, insomma siamo in centro a Parma. E in centro a Parma, alle otto di sera, può succedere una cosa del genere. Succede una cosa del genere. Ne succedono tante. Molti parmigiani, in centro, hanno ricevuto la visita dei ladri, a volte anche mentre si trovavano in casa. Ci sono bambini rimasti traumatizzati dall'aver visto i ladri, o comunque la propria casa messa a soqquadro. Ieri un noto negozio di via Farini - pieno, pienissimo e frequentatissimo centro - è stato svaligiato, ne diamo notizia a pagina 7. E che cosa ci volete fare, dicono in tanti: è normale, succede in tutte le città. Le forze di polizia hanno uomini e mezzi limitati, è normale. Lo Stato non può assumere altri agenti perché è al verde, è normale. L'immigrazione è un fenomeno planetario e comporta anche l'aumento della criminalità, è normale.

E invece no, non è normale che in centro città, alle otto di sera, a un passo da un centro commerciale e dalla via Emilia, una banda di delinquenti incappucciati e armati possa agire indisturbata. Non è normale che così tanti cittadini trovino la propria casa saccheggiata rientrando all'ora di cena. Non è normale che si sia costretti ad andare a letto con il terrore di essere svegliati da qualche criminale che poi ti dice «se mi denunci ti ammazzo».

Ci stiamo abituando male, anzi ci stiamo rassegnando, che è ancora peggio. Abbiamo dato per persa la partita, perché non ci sono mezzi, perché non ci sono soldi, perché non si può espellere nessuno, perché, perché, perché... Sono tutti alibi. A New York - che è un filino più complicata di Parma - a un certo punto hanno detto basta, e basta è stato.

Salvini a Sorbolo ha annunciato che mafia, camorra e 'ndrangheta saranno cancellate. Bene. Si faccia qualcosa però, e subito, per cancellare anche questa piaga.