Sei in Archivio bozze

PARMA 2020

Pizzarotti: «La cerimonia d'apertura sarà distribuita su più giorni»

29 gennaio 2019, 06:00

Pizzarotti: «La cerimonia d'apertura sarà distribuita su più giorni»

Nella città dei Sassi c'era mezzo mondo per la cerimonia d'apertura di «Matera capitale europea della cultura 2019» e fra gli invitati non poteva mancare una rappresentanza di Parma, che tra un anno sarà la capitale italiana della cultura e che per questo è già chiamata a stringere relazioni e a lavorare per raccogliere il testimone di Matera nel 2020.

Capire come fare per riuscire a legare fra loro due realtà così distanti e diverse, Parma e Matera appunto, non sarà un compito semplice, come ammettono sia il sindaco Federico Pizzarotti che l'assessore alla Cultura, Michele Guerra, ma l'amministrazione comunale assicura di essere già al lavoro per allacciare un legame – nel nome della cultura – fra le due città.

«Aver assistito alla cerimonia inaugurale è stato molto istruttivo, perché ci ha permesso di capire che sarebbe meglio spalmare la cerimonia d'apertura di Parma capitale italiana della cultura su più giorni, in modo da distribuire maggiormente gli eventi. Vorremmo concedere il giusto spazio ai momenti istituzionali e a quelli pensati più per i visitatori», premette il sindaco Pizzarotti.

La data della cerimonia inaugurale di Parma capitale italiana della cultura deve essere ancora fissata con precisione, ma è molto probabile che venga individuata nei giorni attorno a Sant'Ilario, giorno del patrono e dell'omonimo premio conferito ai parmigiani che si sono distinti.

Oltre all'idea di spalmare su più giorni l'inaugurazione di Parma 2020, il sindaco e l'assessore hanno portato a casa una grossa mole di contatti utili ad allacciare rapporti con tutti quelli che ora stanno dando vita all'anno magico di Matera. «Abbiamo preso contatto con molte realtà produttive ed espositive – spiega Guerra – e abbiamo iniziato a condividere idee fra il nostro team progettuale e quello attivo a Matera».

In attesa di dettagli più precisi sul come e quando portare un po' di Parma in Basilicata, l'assessore si dimostra entusiasta per i progetti avviati nella città capitale europea della cultura. «Abbiamo visto progetti molto aderenti al paesaggio, che danno l'idea di un luogo che vive dalla montagna da cui scaturisce».

Intanto, sul sito del Comune è scaricabile l'avviso pubblico per la raccolta delle proposte culturali per Parma 2020. I progetti potranno essere presentati entro il 31 marzo. Per informazioni http://www.parmacapitalecultura2020.it. P.Dall.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal