Sei in Archivio bozze

Parco Ducale

Aggredisce e morde i carabinieri: già libero nigeriano violento

30 gennaio 2019, 06:03

Aggredisce e morde i carabinieri: già libero nigeriano violento

MICHELE CEPARANO

Prende a pugni e a morsi due carabinieri e viene con grande fatica arrestato dai militari. Ma è già libero. L'episodio che ha avuto come protagonista un giovane nigeriano molto violento e come vittime due carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile è accaduto domenica pomeriggio. A una pattuglia infatti, in servizio all'interno del Parco Ducale, erano state segnalate due persone, di origine extracomunitaria, che stavano discutendo animatamente tra loro. I carabinieri sono perciò scesi dalla gazzella e hanno domandato loro di mostrare i documenti.

Ebbene, i militari non avrebbero mai pensato che un normale controllo potesse tramutarsi di lì a pochi secondi in un vero e proprio incubo. Mentre uno dei due consegnava senza problemi i documenti ai carabinieri, l'altro - un ventenne nigeriano richiedente asilo, incensurato e residente a Parma, apparso subito piuttosto alterato, forse per aver bevuto troppo - sferrava due pugni in pieno volto a uno dei due militari. Una vera e propria furia, il giovane nigeriano che si accaniva anche contro l'altro carabiniere intervenuto in aiuto del collega mordendolo all'avambraccio nel corso della colluttazione scoppiata per fermarlo.

Mentre i due militari e il ventenne lottavano, l'altro extracomunitario restava invece immobile. Nel frattempo, venivano chiamati i rinforzi e nel punto dello scontro arrivava un'altra pattuglia. A fatica i carabinieri riuscivano così ad ammanettare il ventenne e a portarlo in caserma. Il carabiniere colpito con due pugni dall'energumeno e che aveva riportato ferite al volto, escoriazioni a una spalla e tumefazioni alla mano, veniva medicato. Guarirà in sette giorni. Più gravi le condizioni dell'altro militare che a causa dei morsi è stato giudicato guaribile in trenta giorni.

Il nigeriano arrestato, invece, anche in via delle Fonderie ha continuato a tenere un comportamento aggressivo. Lunedì è stato celebrato il rito direttissimo con la convalida dell'arresto. Il ventenne, per cui il pubblico ministero aveva chiesto la custodia cautelare in carcere, è stato rimesso in libertà con l'obbligo di firma, in attesa del processo che verrà celebrato il 6 marzo.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal