Sei in Archivio bozze

Parma

Schiappacasse e Brazao: nuova linfa per i crociati

20 febbraio 2019, 06:01

Schiappacasse e Brazao: nuova linfa per i crociati

SANDRO PIOVANI

Improvvisamente il Parma è attanagliato dai dubbi. Che riguardano soprattutto una salvezza che ormai sembrava cosa fatta. La vittoria al Tardini manca dal 25 novembre scorso (2-1 al Sassuolo) e certamente non è il Napoli il cliente migliore per cercare di sfatare questo tabù e tornare così a gioire per i tre punti. Anche perché pesa, e non poco, l'ultima sconfitta, quella di Cagliari. Che appunto ha minato le certezze dei crociati. Così il Parma ed i suoi tifosi provano ad azzerare tutto questo sovraccarico di emozioni e tensioni salutando i due giovani sudamericani acquistati nel mercato di gennaio.

LA PRIMA DI SCHIAPPACASSE

Ieri per la prima volta si è allenato con il Parma Nicolas Schiappacasse, esterno sinistro d'attacco uruguaiano classe 1999, arrivato in maglia crociata in prestito dall'Atletico Madrid: l'attaccante resterà a Parma sino al giugno 2020, poi si vedrà. L'attaccante dovrebbe avere la maglia numero 10 ed è un «predestinato»: a 16 anni infatti, con il River Plate, ha debuttato in campionato e poi nella Libertadores. Schiappacasse, sino a pochi giorni fa, è stato protagonista con la sua Nazionale del Sudamerica Sub 20 e da ieri è a disposizione di Roberto D'Aversa. E potrebbe rappresentare, per il tecnico crociato, quella novità e quell'imprevedibilità di cui il Parma sembra avere tanto bisogno.

BENEVENUTO BRAZAO

E sempre ieri, in serata, è atterrato a Bologna, in arrivo dal Brasile, un'altra giovane promessa, il portiere Gabriel Brazao, diciottenne di belle speranze che vorrebbe emulare in maglia crociata le gesta di Taffarel per poi discutere con l'Inter e il Parma del suo futuro, visto che il club nerazzurro ha appoggiato l'operazione. Brazao arriva dalle giovanili del Cruzeiro, è alto 192 centimetri e di lui si parla molto bene. Forze fresche per il Parma. Che non vuole conoscere la parola crisi.

INFORTUNATI: OUT IN TRE

Intanto, con Schiappacasse e forse già domani dopo le visite mediche con Brazao, il Parma è tornato ad allenarsi a Collecchio con una seduta pomeridiana, dopo due giorni di riposo, per preparare la gara interna di domenica, con il Napoli (ore 18). I crociati hanno svolto i consueti lavori di riscaldamento seguiti da esercizi di tecnica applicata e possesso palla. L’allenamento è proseguito con una partita su porzione ridotta del campo ed è stato concluso da un lavoro aerobico. Infermeria: Dimarco, Sierralta e Scozzarella hanno svolto un programma di lavoro personalizzato e solo tra oggi e domani si capirà se potrenno recuperare in tempo per il Napoli. Oggi doppia seduta, solo quella pomeridiana è aperta al pubblico (dalle 14.30). Il cammino di avvicinamento alla sfida con il Napoli è iniziato: ora meglio guardare avanti senza voltarsi.