Sei in Archivio bozze

SALSOMAGGIORE

«La ciclabile per Ponte Ghiara è un percorso a ostacoli»

21 febbraio 2019, 06:00

«La ciclabile per Ponte Ghiara è un percorso a ostacoli»

La pista ciclabile tra Salsomaggiore e Ponte Ghiara viene promossa dai suoi frequentatori abituali che non mancano di sottolineare anche alcune problematiche come la necessità di maggiori manutenzioni, tutela e controlli.

La pista, inaugurata una decina d'anni e lunga quattro chilometri, è immerso nella natura e costeggia il torrente Ghiara. Secondo i frequentatori può essere considerata una delle più belle in provincia e per questo qualcuno ne chiede il collegamento con altre ciclovie e ippovie.

Ma presenta anche alcune criticità, come pericolose crepe nell'asfalto.

«Sono un pericolo continuo per pedoni e ciclisti - affermano alcuni patiti delle due ruote mentre transitano in via dei Gelsi - Vista la cronica mancanza di fondi, come vanno affermando i sindaci di questi tempi, se non si hanno le risorse per chiudere queste buche almeno si metta un'adeguata segnaletica che avverta del pericolo prima che qualcuno si faccia male e magari chiami in causa il Comune».

Poco più avanti, altre persone pongono invece in evidenza la presenza di rifiuti sul percorso.

«Dispiace constatare come pochi cittadini non rispettosi dell'ambiente e del prossimo decidano di abbandonare rifiuti sul percorso ed anche nel greto del torrente. In un punto si possono notare due biciclette immerse da tempo nell'acqua del Ghiara».

Un altro gruppo di persone, tra i quali Paolo Panni, coordinatore del comitato «Vita in campagna», stigmatizza il comportamento di un paio di motociclisti in transito auspicando interventi della municipale.

«La polizia municipale dov'è? Chiediamo più puntuali controlli affinché sia garantita la sicurezza di coloro che amano muoversi all'aria aperta, senza dover rischiare di essere investiti da mezzi che non devono transitare lungo il tragitto».

Lo stesso Panni auspica anche che la ciclabile venga inserita nel circuito delle ciclovie e delle ippovie già esistenti nella Val Stirone, nella Bassa e nelle terre di Verdi.

«So che è in corso d'opera il progetto di completamento della ciclabile fino a Vaio e da qui l'unione con quella proveniente da Fidenza: spero che venga portato a termine al più presto per andare nella direzione appena sopra auspicata».

Che la ciclabile mantenga comunque il suo fascino, lo dimostra l'apertura della pagina Facebook «Quelli..della ciclabile...Salsomaggiore e Tabiano», per discutere a 360 gradi dell'infrastruttura e delle sue problematiche.

r.c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal