Sei in Archivio bozze

I GESTI CHE FERISCONO

Quando nel calcio è il corpo a parlare

22 febbraio 2019, 06:01

Quando nel calcio è il corpo a parlare

FILIBERTO MOLOSSI

Una volta per parlare i calciatori usavano i piedi: i tiri mancini di Maradona erano pura poesia, i tocchi irresistibili di Rivera epigrafi scolpite nell'immortalità. Ma ora, al tempo del pallone cafone, per farsi capire utilizzano anche altre parti del corpo. Che ha una gran qualità: non mente mai. Anzi, di più: dice la verità anche quando la voce dice altro. «Tenemos muchos huevos», fa sapere il Cholo Simeone dopo avere steso la Juve. Che tradotto, senza entrare troppo nei particolari, suona come: «Abbiamo degli attributi così». Ma la spiega è del tutto inutile: il gesto in campo (ormai virale) è già inequivocabile - e inelegante assai - di per sè. Volgare lui, ma addirittura disonesto Bonucci: le mani in faccia a simulare un fallo inesistente, ma scostate quanto basta per vedere la palla finire in rete. Già, il corpo parla: e a volte urla. Ricordate il gesto delle manette di Mourinho per contestare l'arbitro? Iconico. E quello dell'orecchio per rispondere agli insulti dei tifosi bianconeri? Si potrebbe andare avanti all'infinito: la «manita» di CR7 che ricorda ai fan dell'Ateltico quante Champions ha vinto, ma pure il gialloblù Dino Baggio che fa il segno dei soldi all'arbitro dopo che lo ha espulso. Storie che diventano leggende, corpi che non smettono di parlare. Come quel giorno del 2006, Juve-Parma: 1-1, si infortuna Guardalben, entra l'esperto Bucci. Manca niente: ma a due minuti dalla fine l'arbitro fischia un rigore per i bianconeri. Tira Del Piero, come una sentenza. E invece no: fuori. Bucci, ex granata che sui campi di gioco ne ha viste tante, potrebbe dire molte cose. Ma preferisce riassumere il suo pensiero con un'efficace metafora, anzi con un gesto che li racchiude tutti: quello dell'ombrello.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal