Sei in Archivio bozze

LUTTO

Bore e la sua valle piangono l'ex sindaco Mario Bazzinotti

23 febbraio 2019, 06:00

Bore e la sua valle piangono l'ex sindaco Mario Bazzinotti

ERIKA MARTORANA

BORE Bore piange l’ex sindaco Mario Bazzinotti, scomparso giovedì a 75 anni. Nato nel piccolo comune della Valcenedola il 14 aprile del 1943 da una famiglia di mezzadri, Mario dimostrò fin da giovanissimo una grande predilezione per il mondo del lavoro. Il suo desiderio di crescere e di ottenere una propria indipendenza lo portò ben presto a lasciare la realtà borese e a trasferirsi in Piemonte, dove si occupò per diversi anni delle risaie.

Più tardi qualche esperienza come operaio di fabbrica, per poi trovare lavoro come autista delle corriere nella metropoli milanese. Fu proprio durante questa sua fortunata esperienza professionale, che Mario conobbe, nel ‘73, la bergamasca Giulia, con la quale si sposò nel ‘76, facendo ritorno nel suo paese natale e andando a vivere stabilmente nella frazione di Pozzolo. Da questo matrimonio, nel 1980, nacque l’unico e adorato figlio, Luca. Accanto alla sua professione (continuò a fare l’autista di corriere a Parma) e all’amore per la famiglia, Bazzinotti non abbandonò mai la sua grande passione per la politica. Militante della Democrazia Cristiana, ottenne il suo primo mandato in qualità di sindaco nel 1970: fu l’inizio di un lungo e vincente percorso, che lo portò ad ottenere un vero e proprio record, fatto di ben 5 mandati consecutivi e, perciò, di 25 anni trascorsi a capo del paese. Nel tempo, maturando la propria esperienza politica, il «longevo» sindaco «imparò - ricordano in paese - ad aprire le porte anche a partiti con idee lontane dal proprio, il tutto puntando a una amministrazione più consapevole, corretta e volta al bene assoluto del comune». Questa sua capacità di dialogo, insieme a una estrema disponibilità sul piano politico, e non solo, rappresentano le qualità che maggiormente vengono riconosciute a Bazzinotti dai propri concittadini.

La sua devozione per Bore e per la vita socio-politica non lo fermò nemmeno negli anni successivi ai suoi 5 mandati: seppur dall’opposizione, infatti, continuò a lavorare duramente nell’interesse della popolazione a cui è sempre stato particolarmente affezionato. Al fianco dell’attuale sindaco Fausto Ralli, è stato poi consigliere e assessore per altri 3 mandati (l’ultimo del quale si sarebbe concluso nel prossimo maggio). Tra le sue maggiori soddisfazioni a livello ufficiale vi fu la nomina a Cavaliere della Repubblica, con una speciale targa che gli fu consegnata dall’allora presidente Sandro Pertini. «Amante della politica ma, al tempo stesso, molto disponibile»: così lo ricordano alcuni suoi cittadini «Curava i rapporti con tutti, indifferentemente dal partito; era un uomo gentile e corretto». Tra i meriti più lodevoli che la popolazione gli riconosce viene annoverata l’ideazione e la realizzazione del centro sportivo La Pineta che fu inaugurato nei primi anni ‘80. Oggi, alle 11, la salma dell’ex sindaco verrà portata presso la sala consiliare del Municipio di Bore, per un ultimo saluto. I funerali avranno luogo alle 15 nella chiesa parrocchiale di Pozzolo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal