Sei in Archivio bozze

BEDUZZO

Bocconi avvelenati, torna la paura

27 febbraio 2019, 06:00

Bocconi avvelenati, torna la paura

Beatrice Minozzi

CORNIGLIO - L’incubo bocconi avvelenati torna a turbare il sonno degli abitanti di Beduzzo. A pochi giorni dal primo ritrovamento in via Case Monticelli, infatti, è stato trovato un altro boccone, questa volta ancora più vicino alle case.

Ad intercettarlo sempre loro, Nebbia e Simba, due bellissime maremmane di un anno, che anche questa volta sono state salvate dalla prontezza di riflessi del loro padrone. Le due cagnolone, infatti, stavano facendo il loro giretto mattutino davanti a casa quando l’uomo ha visto una delle due che annusava e metteva in bocca qualcosa. Immediato il suo intervento, che gli ha permesso di togliere dalla bocca il boccone ancora intero. «Era uguale a quello dell’altro giorno – spiega –, un miscuglio di strutto e pallini blu. Abbiamo allertato subito i carabinieri forestali e il veterinario, che però non gli ha potuto somministrare l’antidoto perché gli era stato somministrato solo pochi giorni fa. Speriamo che una di quelle palline blu non sia stata andata giù».

Piccole palline blu: con tutta probabilità si tratta di topicida o lumachicida, anche se si attendono ancora i risultati delle analisi dell’Istituto zooprofilattico a cui sono stati inviati i bocconi ritrovati. Questa volta – a differenza del ritrovamento dei giorni scorsi, quando la «polpetta» sembrava fresca, appena preparata - il boccone era quasi secco, il che fa pensare che si tratti di un boccone che si trovava lì da qualche giorno e che potrebbe essere sfuggito all’attenta bonifica dell’area da parte dei carabinieri forestali, che la settimana scorsa erano stati chiamati ad intervenire subito dopo il primo ritrovamento. Neppure il fiuto di Alma, il cane da ricerca per esche e bocconi avvelenati in forza ai Carabinieri Forestali, lo aveva «stanato», nonostante abbia battuto tutta la zona per ore. Anche il Comune – che ha tappezzato la zona di Beduzzo, ed in particolare quella di Case Monticelli, con avvisi di pericolo – invita tutti i proprietari di animali domestici a prestare la massima attenzione e a portarli fuori al guinzaglio, per evitare che possano sfuggire, anche se solo per pochi minuti, al controllo dei padroni e ingerire esche o bocconi senza essere visti. «Adesso abbiamo paura a liberare i cani – aggiungono i proprietari di Nebbia e Simba -. Abbiamo anche un’altra cagnolina e dei gatti, speriamo che non ci sia ''il due senza il tre'' e che non succeda che le ingoino davvero».

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal