Sei in Archivio bozze

SALSO

Addio a Parmigiani, lo chef diventato direttore di grandi mense

07 marzo 2019, 06:00

Addio a Parmigiani, lo chef diventato direttore di grandi mense

Salsomaggiore piange la scomparsa di Luciano Parmigiani che era nato nella città termale nel 1942.

Appartenente ad una numerosa famiglia, si era diplomato all’istituto alberghiero di Salsomaggiore prima di entrare nel mondo del lavoro e prestare la propria opera professionale, come molti giovani concittadini dell’epoca, in qualità di chef nelle cucine di alcune prestigiose strutture quali il Grand Hotel et de Milan nella città termale, il Royal di Courmayeur, l’Imperiale di Santa Margherita, il Miramonti di Cortina ed il Bellevue di Sanremo, prima di passare alla gestione in proprio del ristorante «Il binario» nella zona di Porta Genova a Milano.

Luciano Parmigiani è stato, inoltre, un alfiere della gastronomia italiana all’estero: con l’Istituto del commercio estero è andato infatti a Beirut, ad Oslo, a Manchester, ad Edimburgo, a Stoccolma, ad Innsbruck per far degustare le specialità italiane nel mondo.

Fu negli anni Settanta, tuttavia, che lo chef salsese decise di fare il grande salto: dopo aver appreso dai giornali che l’azienda di ristorazione e di gestione mense Pellegrini spa (di cui fu fondatore il presidente dell’Inter, Ernesto) ricercava direttori di mensa, presentò il suo curriculum venendo successivamente assunto. Iniziò come direttore alla Citterio, passando alla Nestlé e successivamente alla Ire (ex Ignis) di Cassinetta arrivando a gestire 46 dipendenti e la produzione di 2000 pasti al giorno facendosi apprezzare da colleghi e superiori per le sue doti umane.

Grazie alla sua professionalità e passione, entrò anche a far parte del «Collegium cocorum», riconoscimento riservato dalla Federazione italiana cuochi a coloro che hanno onorato la cucina italiana per oltre cinque lustri.

Appassionato di arte, non perdeva occasione per visitare i musei di Parigi, città dove risiedono la figlia e le adorate nipotine.

I funerali di Luciano Parmigiani, che ha lasciato la moglie Pinuccia, la figlia Cristiana, il genero Guillaume, le nipoti Julia e Anais, i fratelli Renato e Franco, la cognata Rosanna e la cugina Adriana si svolgeranno quest’oggi alle 14,30 nel Santuario della Madonna delle Grazie in San Vitale.

M.L.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal