Sei in Archivio bozze

Regione

Rainieri (Lega): "Prodotti in plastica monouso, Pd estremista ambientalista, li vuole vietare subito"

14 marzo 2019, 18:31

Rainieri (Lega):

“Sulla plastica il PD ha sposato la linea estremista ambientalista infischiandosene che se non si avrà un percorso graduale per limitare i prodotti monouso in plastica, ma si procederà alla cieca con drastici e onnicomprensivi divieti di utilizzo, si avranno seri risvolti negativi in termini sociali ed economici”. È quanto ha affermato il Vice Presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ed esponente della Lega, Fabio Rainieri, a seguito dell’acceso dibattito tenutosi in aula assembleare regionale sulle politiche per limitare la plastica in mare. La discussione si è infatti conclusa con l’approvazione di due risoluzioni, una del PD e una del M5S, favorevoli a metter al bando immediatamente posate, piatti, bicchieri e palettine da caffè in plastica alle quali, però, si sono dichiarati contrari i Consiglieri della Lega seguiti anche da quelli di Fratelli d’Italia, Forza Italia e Movimento Sovranista.   “Sia ben chiaro che come Lega siamo assolutamente favorevoli ad azioni che limitino l’inquinamento dato dalla plastica nel mare e ovunque ma riteniamo che si debba procedere con cautela senza provocare danni collaterali, come peraltro indica l’Unione Europea con la direttiva pronta per essere adottata nelle prossime settimane e come anche prevede l’ultima legge di bilancio dello Stato – ha quindi proseguito il Consigliere regionale leghista – Per questo avevamo presentato degli emendamenti per cui, nel procedere con le varie azioni di contenimento si tenesse comunque conto che in Italia la produzione di oggetti di plastica monouso, soprattutto per usi alimentari, è un settore industriale importante sviluppando un fatturato complessivo annuo di 700 milioni di euro, il 25 % dei quali orientato all’export e occupando più di 3000 addetti di cui 850 in Emilia-Romagna. I divieti drastici. Altro dato importante è che questi prodotti garantiscono il massimo livello di igiene in luoghi sensibili per la salute individuale e pubblica, quali ad esempio ospedali, aeroporti, stazioni, scuole, asili, carceri, locali pubblici, sono prevalentemente utilizzati per servizi con un alto livello di organizzazione ed in luoghi in cui la dispersione nell’ambiente può essere molto ridotta e si avviano ad essere riciclabili al 100%. Invece, la maggioranza di sinistra che sostiene la Giunta guidata da Bonaccini, ha voluto dare un contentino agli ambientalisti più estremi, per probabili ragioni elettorali che preoccupano molto soprattutto il PD, ed ha bocciato i nostri emendamenti oltre che il buon senso”.