Sei in Archivio bozze

FIDENZA

Mancano volontari: dopo 32 anni chiude l'Avo

15 marzo 2019, 06:00

Mancano volontari: dopo 32 anni chiude l'Avo

ANNA ORZI

Si spegne una luce nel panorama del volontariato locale. Infatti, dopo 32 anni di prezioso e generoso servizio nel campo delicato della sofferenza, si è sciolta la sezione fidentina dell'Avo (Associazione volontari ospedalieri).

Oltre un trentennio speso tra i degenti dell'ospedale e dell'Hospice e tra gli anziani del Pensionato albergo. Una presenza discreta ricca di valori che ha portato tra le corsie tanto calore umano molto apprezzato da tutti. Esperienze vissute con una dedizione che spesso andava al di là delle ore di servizio. Significative le testimonianze dei volontari raccolte in occasione del trentennale di fondazione due anni fa. Una tra tutte: «Noi non abbiano alcun potere contro la malattia, ma stare accanto alle persone con tenerezza ed empatia pensiamo sia una medicina portentosa...».

«Purtroppo – si spiegano in un breve comunicato – la mancanza di soggetti disponibili ad assumere cariche sociali, nonché la riduzione progressiva dei soci attivi per infermità o anzianità, non permettevano più di mantenere efficiente l'associazione. Desideriamo ringraziare tutti coloro che in questi anni hanno donato tempo ed attenzione alle persone sofferenti. Un sentito grazie anche a quanti in vario modo hanno supportato e incoraggiato l'attività dell'Avo, in particolare al sindaco Massari, al vescovo emerito Mazza e al vescovo Vezzoli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal