Sei in Archivio bozze

TRASPORTI «VERDI»

Bike sharing, arriva la App per il noleggio «espresso»

18 marzo 2019, 05:00

Bike sharing, arriva la App per il noleggio «espresso»

PIERLUIGI DALLAPINA

Una App rinnovata per consentire a chiunque abbia un telefonino di poter salire in sella ad una bicicletta del bike sharing, con la speranza di rendere altrettanto immediato il noleggio delle auto del car sharing. L'anticipazione arriva da Tiziana Benassi, assessore all'Ambiente e alla Mobilità, che svela anche un altro obiettivo dell'amministrazione comunale. «Vogliamo candidarci come Green european capital, un riconoscimento che, fino ad oggi, non è mai stato assegnato a nessuna città italiana», ricorda, a pochi giorni dalla manifestazione che ha coinvolto anche a Parma centinaia di ragazzi scesi in piazza per salvare la salute del pianeta.

Nella speranza che le loro richieste (magari utopiche, ma sicuramente degne di attenta riflessione) vengano raccolte dai «potenti» della Terra, si può stringere l'inquadratura su Parma e verificare cosa sta facendo l'amministrazione comunale per rendere la città più «verde». A partire dalla mobilità che, incidendo pesantemente sull'inquinamento dell'aria, di rimando ha effetti negativi anche sul fenomeno del global warming.

«Nelle prossime settimane - spiega Tiziana Benassi - presenteremo una App che consentirà l'utilizzo del bike sharing grazie allo smartphone e senza tessera. In pratica, chiunque, quindi anche i turisti, potranno, dopo aver scaricato la App già esistente chiamata Bicincittà, staccare una bici dalle colonnine utilizzando il telefonino. Vorremmo poi estendere questa possibilità anche al car sharing». A proposito di bike sharing, l'assessore annuncia «la progettazione di sei nuove postazioni che si andranno ad aggiungere alle 33 già presenti sul territorio».

L'uso dell'automobile è uno dei principali imputati quando si parla di smog (anche il riscaldamento domestico non scherza) e l'amministrazione sta attuando una serie di misure per limitarne l'uso in alcuni casi. «Entro la fine del mandato di questa amministrazione contiamo di installare una ventina di telecamere lungo l'anello delle tangenziali per creare una low emission zone, un'area da cui saranno escluse le vetture più inquinanti, come le auto Euro 0 a benzina o i diesel Euro 2».

Intanto, per limitare la circolazione indiscriminata di auto lungo alcune vie del centro è entrato in funzione 24 ore su 24 il varco elettronico che sorveglia l'isola ambientale di borgo Giacomo Tommasini.

Dopo aver annunciato, pochi giorni fa, la realizzazione di quattro nuovi chilometri di piste ciclabili in viale Rustici, via Pastrengo e via Langhirano, l'assessore ricorda lo stanziamento a bilancio di fondi per migliorare le piste esistenti. «Per il 2018 e il 2019 sono stati stanziati 200mila euro ogni anno. Questa cifra sarà replicata anche l'anno prossimo e nel 2021».

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal