×
×
☰ MENU

Borgotaro in lacrime per Nicola Giuliani

Borgotaro in lacrime per Nicola Giuliani

19 Marzo 2015,07:46

Franco Brugnoli

Grave lutto, ieri, per tutta la comunità borgotarese. E’ morto Nicola Giuliani, 76 anni ben portati, figura di primo piano per il paese. Era titolare, dopo aver proseguito l’attività paterna, di un grosso negozio di televisori ed elettrodomestici a Borgotaro, che gestiva con la moglie Maria e il cognato Bruno. Da qualche mese Nicola (conosciuto da molti come «Nicolino») era andato in pensione, ma, ogni mattina, puntuale, si presentava ugualmente in negozio. Prima però, tassativamente, si ritrovava, al mattino, al bar Firenze, con un gruppo di amici del cuore, per fare il punto della situazione, sia nazionale che locale, con l’inserimento anche di qualche gossip del paese. Era ormai davvero un rito. Quando mancava, tutti si preoccupavano. Come è accaduto appunto questa volta. Le sue simpatiche battute, le sue «trovate» sono rimaste proverbiali.

Caratterialmente era simpatico, buono, disponibile, affettuoso, anche se, a volte, andava in escandescenze (o fingeva di farlo), per cose che non condivideva oppure approvava.

Nicola Giuliani è stato un grande appassionato di sci ed ha avvicinato generazioni di borgotaresi a questo sport. Aveva fondato, nel 1970, lo Sci Club Torresana, trasformatosi successivamente, nel 1985, nello Sci Club Valtaro. Era molto legato al passo del Tonale, nella Val di Sole, che tanto amava e dove aveva anche una casa, ma anche all’Aprica, dove partecipò, a scopo benefico, a tante cene valtellinesi. «Noi sciatori - ha ricordato Roberto Terroni, attuale referente del locale Sci Club - lo ricordiamo per la sua grande determinazione sugli sci. Anche se le condizioni meteo non erano ottimali, per lui la neve era sempre “bianca”…».

Giuliani amava le belle auto (era un fan incallito dell’Alfa-Romeo), ma anche la musica ed il canto, specialmente quello «sussurrato» e confidenziale dei grandi «crooner». Il suo idolo, in Italia, era Fred Bongusto, ma amava anche Peppino Di Capri. Ogni volta che vi era una cena aziendale del proprio gruppo di acquisto, lui si esibiva, cantando motivi come «Tre settimane da raccontare», «Balliamo!», «Champagne» e tanti altri. In sintesi, amava davvero la vita, in tutte le sue espressioni. Lascia la moglieMaria, i cognati, i cugini e diversi nipoti.

I funerali si terranno oggi pomeriggio, alle 14.45, nella Chiesa di San Domenico. Il corteo partirà alle 14.30 dalla camera mortuaria dell’ospedale Santa Maria di Borgotaro. Ieri sera, alla presenza di molte persone, è stato recitato il santo rosario, in suo suffragio.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI