×
×
☰ MENU

Collecchio dichiara guerra al gioco d'azzardo

Collecchio dichiara guerra al gioco d'azzardo

11 Dicembre 2017,11:55

Gian Carlo Zanacca

Collecchio

Vita dura per il gioco d’azzardo e per le slot machine a Collecchio e nelle frazioni.

In Consiglio comunale è stato approvato il nuovo regolamento che prevede misure restrittive per l’apertura di sale giochi e per installazione di slot machine sul territorio comunale.

Il regolamento, infatti, recepisce le linee di indirizzo di una legge regionale che prevedono misure di contenimento del gioco d’azzardo e di contrasto alle ludopatie. Nel regolamento sono stati individuati luoghi sensibili sul territorio attorno ai quali sarà limitata l’apertura e l’operatività di sale giochi, in particolare nelle vicinanze di uffici pubblici, scuole, luoghi di culto e di aggregazione, ma anche vicino agli impianti e complessi sportivi.

I luoghi sensibili a Collecchio e nelle frazioni comprendono tutte le scuole, i luoghi di culto compreso l’oratorio della Madonna di Loreto in pieno centro, le strutture socio sanitarie inclusi il polo sociosanitario di via Moro e la sede dell’Assistenza Volontaria; i luoghi di aggregazione come la biblioteca e villa Soragna, gli oratori delle chiese di Collecchio, Gaiano e Ozzano Taro.

A questi si aggiungono gli impianti sportivi inclusi l’EgoVillage, il campo da baseball e tutti i campi da calcio di Collecchio e delle frazioni, compreso il Centro sportivo del Parma.

Sulla base dell’individuazione dei luoghi sensibili, è stato stabilito che sale giochi e sale scommesse che si trovano a meno di 500 metri da questi ultimi non potranno installare nuovi apparecchi e ad essi verrà vietato il rinnovo dei contratti alla loro scadenza.

Inoltre su ogni apparecchio installato il titolare dell’esercizio dovrà indicare in modo leggibile la data del collegamento alle reti telematiche e la data di scadenza del contratto stipulato con il concessionario per l’utilizzo degli apparecchi stessi.

Sono diversi gli esercizi commerciali tra tabaccherie, bar e rivendite che dovranno uniformarsi alle nuove disposizioni.

A Collecchio esiste una sola sala giochi adibita in via esclusiva al gioco d’azzardo ed alle scommesse: si trova in pieno centro in vicolo Paveri ed è a meno di 500 metri dal Comune, per cui è coinvolta in pieno dai provvedimenti previsti dal nuovo regolamento. Gli altri sono bar e tabaccherie.

Il Comune ha previsto una proroga di sei mesi per quegli esercizi che intendono delocalizzare la loro attività.

Il provvedimento è stato criticato dagli esponenti del gruppo di minoranza «Liberi e uniti per Collecchio». In particolare Walter Civetta ha rimarcato i limiti di un regolamento che non fa distinzione tra gli esercizi che praticano in via esclusiva il gioco d’azzardo e quelli in cui l’attività prevalente è un’altra.

La dipendenza da slot machine e sale scommesse sta diventando negli ultimi anni un vero e proprio problema sociale con persone che dilapidano i propri averi giocandoseli in slot machine, da qui la necessità di porre un limite al proliferare e diffondersi di questi sistemi.

«Il Comune di Collecchio – conclude l’assessore allo sviluppo economico e commercio Elena Levati – ha recepito gli indirizzi della legge regionale in materia di contrasto al gioco d’azzardo ed alle ludopatie con l’obiettivo di tutelare i cittadini e limitare le conseguenze drammatiche di un fenomeno che ha ricadute anche gravi in ambito sociale».

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI