×
×
☰ MENU

Sicurezza, adesso Collecchio corre ai ripari

Sicurezza, adesso Collecchio corre ai ripari

10 Luglio 2017,11:37

Gian Carlo Zanacca

Nel prossimo autunno sportello per le vittime dei reati, controllo di vicinato e aumento della video sorveglianza saranno le principali novità in tema di sicurezza per i collecchiesi.

Lo ha anticipato il sindaco Paolo Bianchi, facendo il punto della situazione sulle principali novità in tema di controllo del territorio.

In settembre sarà attivo, in ogni comune dell'Unione Pedemontana, uno sportello legalità a sostegno delle vittime dei reati. A Collecchio farà capo all’Ufficio relazioni con il pubblico: «nasce - dice il sindaco Bianchi - per fornire sostegno alle vittime dei reati con un sistema di suggerimenti legali e di sostegno psicologico».

Lo sportello legalità rientrava nel programma di mandato della maggioranza. Inoltre più volte in Consiglio comunale Patrizia Caselli, del gruppo di minoranza «Liberi e uniti per Collecchio», ne aveva chiesto l’istituzione.

Nei giorni scorsi la Giunta Comunale ha approvato il Patto per la sicurezza che coinvolge il Comune, la Prefettura e le forze dell’ordine.

Nell’ambito di questo accordo rientra anche il tema del controllo di vicinato, ripetutamente propposto dal gruppo coordinato da Sabrina Bertilli.

Il controllo di vicinato consiste in un rapporto stretto e istituzionalizzato tra gruppi di cittadini interessati ad effettuare il controllo del territorio e le forze dell’ordine. E' già attivo in alcuni Comuni dell’Unione Pedemontana come Felino, Traversetolo e Montechiarugolo.

«Entro l’autunno – ha spiegato il sindaco Bianchi – contiamo di perfezionare questo tipo di percorso con il coinvolgimento dei volontari e con cartelli nei quartieri e nelle zone soggette a questo tipo di controllo».

Prosegue inoltre il progetto «Video sorveglianza 2.0», che prevede l'aumento delle telecamere sul territorio, dopo che l’Unione Pedemontana ha investito 400 mila euro per installare la videosorveglianza sulle principali strade di accesso ai Comuni dell’Unione per individuare auto rubate, sottoposte a fermo amministrativo o non assicurate.

«Vogliamo – ha precisato il sindaco – potenziare questo tipo di controlli sulle vie di accesso, ma anche in corrispondenza di punti sensibili interni al territorio».

In agosto verrà inaugurata la nuova sede del Comando unico della polizia municipale a Felino, con un contributo regionale di 150 mila euro legato alle funzioni di Protezione civile.

L’Unione Pedemontana parmense spende, in tema di sicurezza, cioè per la polizia municipale, 1 milione e 638 mila euro e ne incassa ogni anno, circa 500 mila, principalmente da sanzioni. I costi servono per pagare 26 agenti più il comandante. I 500 mila euro incassati vengono destinati per il 50% in interventi attinenti alla sicurezza come la formazione degli agenti e l’acquisto di mezzi per la municipale ed il restante 50% per il miglioramento della segnaletica e della viabilità, e vengono suddivisi in base al territorio ed alla popolazione.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI