×
×
☰ MENU

Sicurezza, il sindaco chiede più carabinieri

Sicurezza, il sindaco chiede più carabinieri

01 Settembre 2017,12:40

Gian Carlo Zanacca

Il recente furto in una villetta in via Rosselli, nel quartiere Prati, i tentativi di furto in via Varra, l’uomo rapinato lungo la provinciale per Sala: il problema sicurezza nel consiglio comunale di Collecchio.

Il gruppo di minoranza «Liberi e uniti per Collecchio» ha accusato il sindaco di scarsa attenzione per il problema ed ha auspicato un maggior controllo del territorio e misure a contrasto della criminalità.

Francesco Fedele ha chiesto al sindaco ed alla Giunta di prevedere la costruzione di una nuova caserma dei carabinieri, di chiedere un maggior numero di forze dell’ordine sul territorio, e di attivare il controllo di vicinato, con gruppi di cittadini volontari che segnalino alle forze dell’ordine mezzi e individui sospetti.

Nel corso del dibattito anche lo scontro tra Fedele e Gian Luca Belletti, consigliere del gruppo di minoranza «Per Collecchio solidale». Secondo Belletti è anche colpa dei social e degli organi di informazione se a Collecchio la gente percepisce questa sensazione di insicurezza.

«Secondo i dati forniti dal Ministero – ha detto Belletti - la microcriminalità è diminuita».

Fedele è ritornato sui gravi fatti accaduti di recente a Collecchio «testimonianza concreta di quello che sta accadendo».

Il sindaco Bianchi ha confermato l’impegno del Comune contro «un reato odioso come quello dei furti in abitazioni. Chiederò formalmente che venga aumentato il numero dei carabinieri presenti sul territorio: oggi, su Collecchio, Sala e Felino sono circa una ventina. Il mio impegno è anche rivolto ad aumentare degli agenti della polizia municipale che oggi sono 26».

Novità anche in tema di videosorveglianza: saranno installate quasi cento nuove telecamere sul territorio dell’Unione Pedemontana; prevista l’installazione di telecamere anche nel parcheggio dell’EgoVillage, come richiesto dalla consigliera Patrizia Caselli.

Problemi di amianto sono stati segnalati, sempre dalla Caselli, in un edificio produttivo a Madregolo: l’assessore all’ambiente Michela Zanetti ha programmato interventi ad hoc del Comune che sta facendo la mappatura dei tetti in amianto del territorio dopo i controlli del drone.

In tema di medici di famiglia, l’assessore al welfare, Marco Boselli ha ricordato che a breve alcuni medici della casa della salute andranno in pensione: intanto è stata data continuità al servizio nelle frazioni di Madregolo e Gaiano. Lo stesso servizio prossimamente sarà disponibile anche a Ozzano.

Disco verde al regolamento che disciplina la distribuzione dei fondi raccolti a favore degli alluvionati del rio Manubiola del novembre 2014. Via libera alle mozioni di «Collecchio democratica»: una inerente l’istituzione di una struttura in Provincia che sia in grado di coordinare le attività e le iniziative legate all’emergenza idrica e la seconda per chiedere la riapertura di alcuni uffici postali soppressi da Poste Italiane, tra cui quello di Gaiano.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI