×
×
☰ MENU

Piccoli calciatori crescono al Camp Nov

04 Marzo 2018,12:14

CRISTIAN CALESTANI

SORBOLO Ogni settimana sul manto in erba sintetica del Camp Nov di Sorbolo si incontreranno un centinaio di giovani calciatori e calciatrici tra i 12 e i 14 anni tesserati per i club dilettantistici e giovanili del territorio. Parteciperanno ad allenamenti per la formazione tecnica e saranno seguiti nello sviluppo di un percorso di formazione volto a ridurre la dispersione dei talenti e l’abbandono dell’attività sportiva e che prevede anche workshop di approfondimento sui temi dell’alimentazione, dei corretti stili di vita e di lotta al doping.

Prevede tutto questo l’attività del nuovo Centro federale territoriale della Figc, la Federazione italiana gioco calcio, inaugurato al centro sportivo di via IV Novembre a Sorbolo. Si tratta di una delle 37 strutture in tutt’Italia, tante piccole Coverciano sparse lungo lo Stivale, nelle quali si è deciso di accompagnare i giovani calciatori e le giovani calciatrici nel loro percorso di crescita.

Ad accogliere i ragazzi uno staff composto dal responsabile tecnico Michele Pietranera; dal responsabile organizzativo Nicholas Rizzelli; dagli allenatori Gabriele Fabris, Marco Libassi e Roberto Valmori; dal preparatore atletico Luca Ziveri; dall’allenatore dei portieri Luca Concari; dal medico Andrea Pasquini, dagli psicologi Lorenzo Bicchieri, Carlotta Oggioni ed Alice Zampella e dal fisioterapista Giorgio Bove. «Al Centro federale – spiega Massimiliano Rizzello, coordinatore regionale del settore giovanile scolastico dell’Emilia Romagna della Figc – i nostri ragazzi cresceranno seguendo i valori dello sport non solo come calciatori, ma anche come uomini e cittadini del domani. Le nostre parole d’ordine saranno rispetto, impegno e divertimento per trasmettere una cultura del lavoro, senza dimenticare l’aspetto ludico». «Qui promuoveremo una cultura della conoscenza», aggiunge il consigliere Figc Erio Iori, mentre il responsabile strategico dei centri federali Luca Bergamin sottolinea: «Non siamo qui per creare un campione, ma per formare persone».

Il sindaco di Sorbolo Nicola Cesari ha definito il Centro federale «una grande opportunità per il paese e per tutto il territorio con una struttura all’avanguardia che si inserisce nel progetto del campus scolastico che farà di Sorbolo una edu-city, una cittadina dei corretti stili di vita». All’inaugurazione del centro nei giorni scorsi avevano preso parte anche il sindaco di Parma Federico Pizzarotti, il consigliere regionale Massimo Iotti ed il prefetto Giuseppe Forlani. L’attività del Centro federale è sostenuta dal partner tecnico Puma e dagli sponsor Ferrero, Fiat ed Eni.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI