Sei in Archivio

Parma

Il Consorzio agrario: "Alimentari, l'allarme-prezzi è esagerato"

21 aprile 2008, 19:26

Il Consorzio agrario:

L'allarme sui prezzi degli alimentari in Europa è ingiustificato, tanto più che questi consumi incidono per il 10-20% su quelli complessivi. La pensa così il presidente del Consorzio Agrario di Parma, Massimo Cantarelli, che ricorda come il problema riguardi invece i Paesi in via di sviluppo, dove un pasto a base di carboidrati per una famiglia costa quanto un sms in Italy.

«Se si prende in esame la situazione in Europa, ci si rende conto di come i consumi alimentari rappresentino una quota di consumi pari al 10-20% – afferma Cantarelli in una nota –. E' quindi una quota irrisoria, se paragonata con i Paesi sottosviluppati dove l’incidenza si eleva al 60-80%». Paesi in cui «con il costo di un sms, si può assicurare a una famiglia un pasto a base di carboidrati». Secondo il presidente del Cap, «i consumatori europei possono stare tranquilli in quanto l’incremento dei costi dei generi alimentari incide ben poco sul loro bilancio. Se si considera infatti che nel 2007 i consumi per beni e servizi relativi alle comunicazione sono aumentati dell’8%, mentre i redditi degli agricoltori italiani sono diminuiti dell’1%, ci si rende conto che l’aumento del costo della vita non sia sostanzialmente imputabile ai produttori agricoli. I quali, al contrario, hanno necessità di trovare nell’attività agricola un giusto riconoscimento delle proprie fatiche e del proprio lavoro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA