Sei in Archivio

Saperi e Sapori

Con Cioccoshow Bologna vuole lo scettro del cacao

29 ottobre 2008, 18:30

Con Cioccoshow Bologna vuole lo scettro del cacao

Svizzero? No, bolognese. Duecentosettanta quintali di praline, tavolette, biscotti, torte e altre dolci 'diavolerie' al gusto di cacao piomberanno sotto le Due torri per cinque giorni, dal 19 al 23 novembre, nella quarta edizione del Cioccoshow, la kermesse dedicata alla lavorazione artigianale del cioccolato.
Un cucchiaio di cioccolata fusa, con un rivolo che 'fila' su un tortellino. È questa l’immagine a cui è affidata la pubblicità dell’evento. «L'obiettivo è ambizioso: fare di Bologna la capitale europea del settore», ha spiegato in fase di presentazione Giuseppe Sartoni, presidente dell’associazione CiocchinBo, tra gli organizzatori. E anche lo slogan, "Bologna la Ghiotta", va in questa direzione. Cioccoshow è promosso da Cna, Camera di Commercio, Coldiretti di Bologna e patrocinato da Comune, Provincia e Regione Emilia-Romagna.
Oltre cento gli espositori attesi da tutta Italia, per 250 mila visitatori stimati e una delegazione dalla Costa d’Avorio, Paese leader mondiale per le piantagioni di cacao. E il dolce profumo si diffonderà nel centro storico, con gli stand in piazza Maggiore, piazza Re Enzo, piazza Galvani e via Orefici. Inoltre sono in programma laboratori per i bambini delle scuole e un concorso per maestri del genere: sarà premiato il miglior cioccolatino che mischia dolce e salato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA