Sei in Archivio

Parma

Un parco per Villa Sant'Angelo

23 aprile 2009, 13:41

Un parco per Villa Sant'Angelo

Pierluigi Dallapina
Ora che tutti hanno un tetto o una tenda sopra la testa,  a Villa Sant'Angelo, il paese «adottato» da Parma dopo il terremoto in Abruzzo, arriverà anche il parco giochi.
E sarà un parco speciale, con altalene e scivoli adatti a tutti i bambini, compresi quelli disabili, che verrà realizzato grazie a una donazione di 40 mila euro da parte del Comune. «Garantire un tetto ai nostri cittadini non significa dimenticare tutto il resto, altrimenti rischieremmo di creare un villaggio lager», confessa Pierluigi Biondi, primo cittadino di Villa Sant'Angelo durante il sopralluogo al parco Bizzozero, insieme al sindaco Pietro Vignali e agli assessori Fabio Fecci (Protezione civile) e Giovanni Paolo Bernini (Agenzia per i disabili).
La visita di ieri al Bizzozero non è stata casuale, in quanto l'area verde - priva di barriere architettoniche - sarà presa a modello per la costruzione del nuovo parco in Abruzzo. «Ormai mi sento come un figlio adottivo, sono molto affezionato agli amministratori di questa città che hanno deciso di aiutare un piccolo comune che nessuno conosceva prima della tragedia», spiega Biondi, che al posto della giacca e cravatta indossa una felpa della Protezione civile.
L'idea di realizzare un parco per i bimbi, in mezzo alle tende degli sfollati, è stata suggerita proprio dal sindaco di Villa Sant'Angelo, e nel giro di poche ore il Comune è riuscito a trovare i 40 mila euro necessari per comprare i giochi. Metà della somma necessaria proviene dal bilancio comunale, dall'autotassazione degli assessori e dal gettone di presenza dei consiglieri, mentre gli altri 20 mila euro fanno parte del lascito di Emisardo Adami, che in totale prevede 1,7 milioni di euro da destinare a progetti per i disabili.
«Abbiamo deciso di fare questa donazione - spiega Vignali - perché ormai consideriamo Villa Sant'Angelo un pezzo di Parma, in quanto la tragedia del terremoto ha annullato le distanze».
Il via libera allo stanziamento di 20 mila euro dal lascito Adami è arrivato martedì, poco dopo le 13, da parte del notaio Stefano Gardelli. «Durante la fase della ricostruzione - avverte Bernini - i progetti dovranno concentrarsi sull'abbattimento delle barriere architettoniche». E il consiglio arriva proprio dal parco Bizzozero, inaugurato dal ministro del Welfare Maurizio Sacconi.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA