Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Evasione per 23 milioni di euro: 7 denunciati fra Reggio Emilia e il Portogallo

15 marzo 2010, 12:55

Evasione per 23 milioni di euro: 7 denunciati fra Reggio Emilia e il Portogallo

Una donna che risiede nella provincia di Reggio Emilia è risultata al centro di una girandola di aperture e chiusure lampo di aziende del Nord Italia e di vendite fasulle di prodotti elettronici e telefonici, con il solo fine - secondo gli inquirenti - di abbattere il debito Iva. La frode è stata scoperta dalla tenenza di Guardia di Finanza di Guastalla, che ha denunciato 7 persone, tra le quali la donna, accertando un’evasione di quasi 23 milioni di euro tra imposte sui redditi e Iva.

La frode, secondo la Finanza, sarebbe stata attuata da imprenditori della provincia di Reggio Emilia. Nel meccanismo fraudolento sono risultati coinvolti vari altri operatori del Nord Italia e alcune imprese portoghesi, con le quali gli imprenditori reggiani avrebbero fatto, nel tempo, importanti acquisti di prodotti. Venivano compiute compravendite fittizie destinate ad abbattere il debito Iva conseguente a importazioni, in particolare, di telefonini.

La donna al centro dell’indagine avrebbe avviato e chiuso due imprese in provincia di Reggio Emilia, una a Bolzano e un’altra in provincia di Milano, intestandole a terzi, con il solo scopo di frodare il fisco, secondo le accuse. Anche le ditte portoghesi sono attualmente sottoposte ad accertamenti da parte degli inquirenti lusitani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA