Sei in Archivio

Spettacoli

"Culatello e Jazz": incontro tra giganti

29 luglio 2010, 22:38

Incontrarsi dopo quarant’anni. Non è una parafrasi «ridotta» di una nota canzone italiana, ma lo spirito che guiderà la serata unica della manifestazione «Culatello e Jazz», il 10 settembre prossimo alla Rocca di Roccabianca.
Due grandi del jazz, e in particolare del sound hard bop, come George Cables (pianoforte) e Steve Grossman (saxofono tenore), suoneranno assieme ricomponendo un’unione interrottasi quarant’anni fa.
Un evento unico nel suo genere, che vedrà partecipare fra gli altri ottime leve del jazz nostrano (fra cui, paradossalmente, si potrebbe enumerare lo stesso Grossman, da anni bolognese d’adozione), ovvero Piero Odorici al sax, Aldo Zunino al contrabbasso e Fabrizio Bosso alla tromba, già protagonista della fortunata prima edizione di «Culatello e Jazz» lo scorso anno.
Culatello e jazz appunto, un connubio che potrebbe apparire poco simbiotico ma che in realtà lo diventa se si prendono i due termini per estensione: gastronomia ed arte. E la prima, nella nostra zona, può a buon diritto assurgere a forma d’arte.
È infatti quello che vuole ribadire Giuseppe Scaltriti, amministratore delegato delle distillerie Faled  e organizzatore della serata: «Si è cercato, come lo scorso anno, di unire la migliore tradizione musicale afroamericana con la migliore tradizione gastronomica parmense, ovvero il re dei salumi. Con la collaborazione di Massimo Spigaroli che curerà la parte gastronomica e la Rest - Art organizzazione eventi (in particolare jazz), contiamo di far diventare ‘Culatello e Jazz’ un appuntamento fisso, che valorizzerà fra l’altro il jazz, una musica ancora poco considerata nella città della lirica».
Per informazioni sulla serata: organizzazione@culatelloejazz.it; ufficio stampa@culatelloejazz.it. Tel. 3347484776.

© RIPRODUZIONE RISERVATA