Sei in Archivio

Quartieri-Frazioni

Bilancio bocciato al Golese

02 dicembre 2010, 11:21

Cinque contrari, tre favorevoli e un astenuto: il quartiere Golese respinge il bilancio previsionale 2011 illustrato ieri sera dall’assessore al Welfare, Lorenzo Lasagna. L’amministratore, nel suo intervento, ha parlato di progetti strategici come ad esempio il WCC, l’incremento della differenziata e il nuovo PSC ma anche di iniziative quali lo Sportello d’argento e l’Informastranieri presso il Duc”.
La maggioranza del quartiere, di centrosinistra, si è compattata nel sottolineare come gli interventi posti in essere nel’ultimo anno e in calendario nel prossimo “non corrispondono alle esigenze e alle richieste della gente”. A incarnare il pensiero di tutti, il presidente, Luigi Gandolfi che è tornato a chiedere risposte concrete per il centro anziani di Fognano, atteso da tempo e che non trova posto nel prossimo esercizio previsionale.
Matteo Fava, capogruppo di “Impegno per Parma”, ha elogiato invece l’operato dell’Amministrazione, “capace in un momento di crisi di investire non solo sulla persona ma anche sul nostro quartiere, tra i più strategici per via di infrastrutture importanti come la Fiera e il “Verdi”.

Il "sì" del Lubiana
- Seduta fiume del consiglio di quartiere ieri sera al Lubiana: la discussione sul bilancio previsionale 2011 si è protratta fin oltre la mezzanotte: alla fine l’aula ha dato via libera con undici voti favorevoli e otto contrari. Ben tre gli assessori presenti, quello al Commercio Paolo Zoni, al Bilancio Gianluca Broglia e ai Lavori pubblici, Giorgio Aiello che si sono succeduti nel presentare l’esercizio per l’anno che verrà.
Comune, nei tre interventi il filo conduttore: pur a fronte di tagli per oltre 9 milioni allo Stato e con fra le più basse pressioni fiscale dell’Emilia-Romagna, Parma non tocca le tasse ma soprattutto mantiene inalterati, investendo anzi ulteriori 2 milioni di euro, i cosiddetti servizi alla persona. “Lotta all’evasione, recupero delle multe, efficentamento della macchina burocratica e riduzioni anche importanti a settori come mobilità, ambiente, cultura e a marketing territoriale e consulenze: questi gli ingredienti di un bilancio che strizza l’occhio a famiglie, anziani, sport, infanzia e istruzione” hanno detto gli assessori.
Compatto il centrosinistra nel respingere un disegno complessivo “nel quale si trovano solo grandi opere ma non certo l’ordinario”. In particolare, a preoccupare la minoranza, è il taglio alla manutenzione del verde pubblico senza dimenticare però i grandi temi, tra tutti il WCC e persino il “Quoziente Parma”, che hanno fatto serrare i ranghi dell’opposizione.
Dalla maggioranza, invece, si è ribadita pur con qualche sfumatura, il sostegno compatto a un bilancio che pur in una fase critica per il Paese riesce a garantire una “ottima qualità dei servizi arrivando a prevedere tra le altre cose l’assunzione di una ventina di nuovi agenti di Polizia Municipale”. Un segnale definito “importante” in quello che è uno dei quartieri dove la domanda si sicurezza è maggiore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA