Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Fotovoltaico e biogas: istituzioni in visita agli impianti di Eridania

11 settembre 2011, 19:45

Si è svolta ieri alla presenza dei rappresentanti delle istituzioni e degli organi di stampa, la visita guidata agli impianti di biogas e fotovoltaico posti all’interno dello stabilimento di trasformazione delle barbabietole da zucchero di San Quirico. Eridania Sadam, del gruppo Maccaferri, infatti, per garantire un futuro alla filiera bieticolo saccarifera ha dato vita ad una integrazione sinergica con l’agro energia per creare un polo multifunzionale. Piero Tamburini, consigliere delegato di Seci Spa, che è controllata interamente dalla famiglia Maccaferri, ha illustrato il percorso seguito per raggiungere i risultati odierni sottolineando l’impegno profuso sia in termini economici che operativi. Il piano di ammodernamento dello zuccherificio, imposto dai tagli dell’Organizzazione comune di mercato, ha comportato l’avvio, nel 2011, di una centrale per la produzione di biogas, del costo di 5 milioni di euro, alimentata con polpe, colletti, foglie delle barbabietole da zucchero e di un sistema fotovoltaico che ha richiesto un investimento di 14 milioni. Daniele Bragaglia, direttore generale di Eridania Sadam, ha illustrato le caratteristiche tecniche degli impianti sottolineando che il polo industriale è in grado di produrre 20 MWe di energia. Raimondo Cinti, amministratore delegato di Seci energia, la società del gruppo Maccaferri operativa nella gestione degli impianti di energia elettrica e coordinatore del piano di riconversione degli stabilimenti saccariferi, ha sottolineato l’importanza di aver collocato l’impianto fotovoltaico in un terreno sede delle vecchie vasche di decantazione evitando quindi il «consumo» di terreno agricolo. Durante la visita l’assessore regionale all’agricoltura, Tiberio Rabboni, ha precisato che lo stabilimento di San Quirico è stato inserito tra i beneficiari dei fondi europei.
Il vicepresidente della Provincia di Parma, Pier Luigi Ferrari, ha ribadito che lo zuccherificio rappresenta  un’eccellenza come hanno rimarcato anche Alessandro Mincone presidente del Consorzio nazionale bieticoltori e Nicola Bernardi sindaco di Trecasali.