Sei in Archivio

Parma

Termovalorizzatore: decisione il 5 ottobre

15 settembre 2011, 14:31

Termovalorizzatore: decisione il 5 ottobre

Termovalorizzatore, tutto confermato: se ne riparlerà il 5 ottobre. Anche se manca l'ufficialità - solo oggi si conoscerà l'esito della camera di consiglio (ieri, la prima udienza del Tar dopo le ferie estive si è conclusa a tarda ora: erano quaranta i ricorsi da discutere) è certo che quella di ieri sia stata un'udienza interlocutoria. Insomma, occorre attendere alcune settimane per conoscere il futuro dell'impianto  di Ugozzolo.  «Il collegio difensivo già incaricato da Iren Ambiente ha confermato oggi (ieri per chi legge, ndr), nel corso dell’udienza presso il Tar di Parma, la rinuncia alla sospensiva relativamente alla prima ordinanza di sospensione dei lavori di costruzione del Polo Ambientale Integrato, emessa dal Comune di Parma il 1° luglio 2011, in ragione del fatto che tale ordinanza era decaduta al trascorrere dei 45 giorni previsti dalla normativa vigente», si legge in un comunicato diffuso da Iren.
Che poi prosegue: «poiché il Comune di Parma ha provveduto, in data 22 agosto 2011, all’emanazione di una seconda ordinanza di sospensione dei lavori, Iren Ambiente ha proposto ricorso con nuova istanza di sospensione cautelare dell’ordinanza che sarà discussa nella seduta fissata dal Tar per il 5 ottobre prossimo. Resta comunque ferma la richiesta di risarcimento danni, già contenuta nel primo ricorso presentato da Iren Ambiente, per tutto il periodo di sospensione dei lavori di costruzione del Polo Ambientale Integrato».
Fra gli altri «casi» in calendario ieri davanti ai giudici del Tar, i l ricorso degli insegnanti della scuola per l’Europa esclusi dal concorso. In agosto il Tar li aveva ammessi con riserva,  accogliendo in parte il loro ricorso. Gli insegnanti avevano chiesto, oltre ad essere ammessi alle prove di selezione, anche di sospendere l’intera operazione di arruolamento di nuovi docenti e bidelli. Altro caso in calendario, la vicenda che riguarda la sospensione della patente di guida a Luigi Giuseppe Villani. L’esponente del Popolo della libertà  ha presentato ricorso contro l'Ufficio Provinciale Dipartimento Trasporti Terrestri di Parma, chiedendo un'istanza cautelare di urgenza per l'annullamento, previa sospensione dell'efficacia, del provvedimento con cui il 15 febbraio del 2010 gli è stata sospesa a tempo indeterminato la patente di guida. Ma il Tar, ritenuto che non vi siano i presupposti per la concessione della misura cautelare urgente richiesta, ha respinto l'istanza fissando per la trattazione collegiale la camera di consiglio.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA