Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Cantini verso la sostituzione dell'assessore Comerci

08 marzo 2012, 19:44

Cantini verso la sostituzione dell'assessore Comerci

Gianluigi Negri
«Cantini rimuova Comerci». L’imperativo dei vertici provinciali del Pdl, con tanto di comunicato firmato Paolo Buzzi e Massimo Moine, risale ormai a sabato scorso. E il sindaco, per ora, non ha risposto ufficialmente né si è pronunciato in altro modo.
Non si sa come abbia preso questo ultimatum-appello, parzialmente «ammorbidito» dal rinnovo della fiducia da parte del partito di maggioranza relativa della coalizione di centrodestra che lo sostiene. Fatto sta che l’invito ad essere celere nel sostituire Comerci con il parmigiano Giuseppe Pantano (ex consigliere comunale nel capoluogo e braccio destro di Luigi Giuseppe Villani), e a ridistribuire alcune deleghe tra i componenti della Giunta, non gli è arrivato dal coordinamento fidentino, bensì da quello parmigiano. E intanto, fino a ieri, Comerci - che aveva annunciato l’intenzione di querelare Cantini dopo che quest’ultimo lo aveva pubblicamente attaccato sull’«uso non istituzionale» della tessera gratuita per la piscina e il centro benessere - era ancora ufficialmente assessore allo Sport.
Il braccio di ferro tra il Pdl e Cantini, che va avanti da mesi (la vicenda Comerci si aprì con la famigerata lettera su Fidenza Sport del 25 agosto, ndr), potrebbe comunque risolversi nelle prossime ore.
Se Cantini accetterà di ridistribuire alcune deleghe, esattamente come gli hanno chiesto i vertici provinciali del Pdl, «depotenzierà» il vicesindaco Stefano Tanzi, che il coordinamento locale pidiellino avrebbe voluto rimuovere, nelle settimane passate, in piena crisi di Giunta? E la Lega, che ufficialmente non prende posizioni ma secondo alcune voci inizierebbe a manifestare qualche segnale di insofferenza per il protrarsi della situazione, come la prenderà? Accetterà che Fidenza Sport (la società interamente comunale che porterà davanti al giudice di pace l’assessore Comerci il prossimo 27 marzo con l’accusa di aver commesso il reato di diffamazione) venga «inglobata» nella San Donnino Multiservizi, nel giro di pochi mesi, come aveva annunciato il vicesindaco Tanzi? Oppure si opporrà, rimanendo fedele alla propria posizione che la vede fervente sostenitrice dell’operato del cda della stessa Fidenza Sport?