Sei in Archivio

Buone Notizie

La Lega italiana Fibrosi cistica entra in Etwoo, network del no-profit

27 luglio 2012, 22:54

Comunicato stampa

La Lega Italiana Fibrosi Cistica Onlus (LIFC), grazie al contributo della LIFC Marche, entra a far parte di Etwoo (www.etwoo.it), il nuovo network dedicato al settore no-profit, attraverso il quale vengono venduti all’asta oggetti appartenuti a VIP. Il ricavato di ciascuna vendita viene interamente devoluto in beneficenza alla Onlus scelta dal vincitore.

La presenza di LIFC su Etwoo è finalizzata a sostenere il progetto Portaperta, per finanziare i costi degli alloggi per le famiglie dei pazienti affetti da Fibrosi Cistica che hanno subìto o che attendono un trapianto polmonare, unico spiraglio per chi da sempre lotta contro una malattia incurabile.

Recarsi in un centro specializzato per ricevere un polmone nuovo comporta, per la famiglia del paziente, spese proibitive dovute alla permanenza in loco per il periodo che va dalla preparazione alla riabilitazione post-trapianto e che può durare dai 2 ai 18 mesi.

Portaperta non è solo metafora di speranza, ma anche la concreta possibilità di aprire una vera e propria porta a tutte quelle famiglie che meritano di rimanere unite in un momento delicato come quello del trapianto. 

Affinché tale progetto diventi realtà è indispensabile che tutta la community di Etwoo trasformi la sua passione in partecipazione, contribuendo ad “aprire una porta” a tutte le famiglie dei pazienti affetti da fibrosi cistica.

COS'E' IL PROGETTO "PORTAPERTA".
Il progetto Portaperta mira a sostenere gli eccessivi costi degli alloggi per le famiglie dei pazienti affetti da fibrosi cistica che hanno subìto o che attendono un trapianto polmonare, unico spiraglio per chi da sempre lotta contro una malattia incurabile.
Recarsi in un centro specializzato per ricevere un polmone nuovo comporta, per la famiglia del paziente, spese proibitive dovute alla permanenza in loco per il periodo che va dalla preparazione alla riabilitazione post-trapianto e che può durare dai 2 ai 18 mesi.
La LIFC, attenta alle esigenze dei pazienti e delle loro famiglie, vuole offrire loro una speranza grazie alla possibilità di soggiornare gratuitamente nei pressi dei centri specializzati per poter assistere i propri familiari senza che tale onere rappresenti un ostacolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA